logo san paolo
mercoledì 12 maggio 2021
 
 

Loris Capovilla: «Da Giovanni a Francesco»

03/06/2013 

Ca’ Maitino è la casa del Papa. Stava nel cuore e negli occhi di Giovanni XXIII e qui sognava di ritirarsi dopo 32 anni di servizio alla Santa Sede, se nel Conclave del 1958 non lo avessero eletto al soglio di Pietro. È una casa antica, carica di memoria. Martino Roncalli (da cui Ca’ Maitino, Casa di Martino) intorno al 1450 scese dalla Valle Imagna e la costruì. Gli ultimi proprietari la affittarono a monsignor Roncalli come dimora estiva. Oggi vi abita monsignor Loris Capovilla, il segretario di Giovanni XXIII, e la casa è stata trasformata in museo con ricordi di Roncalli, fotografie e regali che ha avuto nel corso del pontificato. Qui nel suo studio, dove su un grande tavolo lavora ancora a 98 anni, monsignor Capovilla la sera del lunedì dell’Angelo ha ricevuto la telefonata di papa Francesco: «Ho pensato a uno scherzo. Nessun filtro tipo “è il Vaticano,le passo il Santo Padre”.  No, solo “pronto,sono papa Francesco”. Io gli avevo fatto avere in Vaticano un mio piccolo scritto per le celebrazioni dei 50 anni dalla morte di Roncalli. E in calce c’era il mio numero di telefono».

Capovilla spiega:«Non mi aspettavo di vedere che alcune intuizioni di Giovanni XXIII fossero riprese da papa Francesco. Non chiede a uno se è cattolico, insiste sul fatto che si è tutti uomini, ascolta e offre amicizia». E aggiunge: «Sono convinto che vedremo cose nuove, veramente nuove per la Chiesa». Tra le intuizioni c’è quella della collegialità: «Non è uno scherzo e papa Francesco ha dato dimostrazione di prenderla sul serio, con la nomina dei suoi otto cardinali consultori, proprio come fece Roncalli convocando il Concilio. La collegialità non è una storiella da raccontare ai ragazzi in seminario. La Commissione dei cardinali dovrà studiare un nuovo orizzonte anche per la Curia, ma sempre al servizio della Chiesa. E infine la Chiesa dei poveri. Ho sentito in questi mesi le stesse parole di Roncalli e vedo che qualche ecclesiastico manifesta già segni di sofferenza,invitando a evitare la demagogia nella descrizione degli atteggiamenti del Papa. Macché demagogia! È il Vangelo, signori, Vangelo e basta. Dunque o siamo leali con il Vangelo, oppure abbiamo finito di predicare».

Monsignor Capovilla è il custode dei ricordi, ma soprattutto è il vescovo chenon smette di sottolineare che l’icona del“Papa Buono” affibbiata a Giovanni XXIII è riduttiva e un po’ tradisce la persona e il suo messaggio.

Multimedia
Le parole che l'hanno reso celebre: il discorso della luna
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%
PAROLA E PREGHIERA
€ 33,60 € 33,50
VITA PASTORALE
€ 29,00
GAZZETTA D'ALBA
€ 62,40 € 53,90 - 14%