logo san paolo
venerdì 03 dicembre 2021
 
Cinema
 

Il fllm di Sorrentino su Berlusconi? Una caricatura, niente di più

23/04/2018  Esce domani nelle sale "Loro", prima parte del film che Paolo Sorrentino ha realizzato sulla figura di Silvio Berlusconi. L'opera doveva andare a Cannes, ma probabilmente non sarà al festival: Forse perché non ha convinto i selezionatori, e nemmeno noi. Il regista imita Fellini, ma è lontano anni luce...

La grande scommessa. Poteva essere questo il titolo del nuovo film di Paolo Sorrentino. Per raccontare Silvio Berlusconi ha seguito l’anima seriale di The Young Pope, e ha diviso il “biopic” in due parti: Loro 1, in sala dal 24 aprile, e Loro 2 dal 10 maggio.

Un’operazione per duplicare gli incassi? Probabile. L’idea forse era di costruire l’hype col primo capitolo, e poi volare in pompa magna al Festival di Cannes con il seguito. Ma qualcosa è andato storto. All’inizio l’intera vicenda doveva durare più di cinque ore, poi sono iniziati i tagli. Loro 1 è di 104 minuti. Sul 2 non si sa ancora. Eppure il montatore Cristiano Travaglioli era stato bravissimo a condensare La grande bellezza in meno di tre ore (nella versione integrale). Perché dividerlo?

Noi l’abbiamo visto in anteprima e Loro 1 sembra un lungo trailer del film che verrà. Non stupisce che il delegato generale del Festival di Cannes Thierry Fremaux lo abbia escluso. Le scommesse, prima dell’annuncio del programma ufficiale, davano Sorrentino quasi sicuramente in concorso. In seguito si è pensato a un fuori concorso, un evento speciale, poi è calato il silenzio. L’esclusione non è ancora certa, ma difficilmente Fremaux tornerà sui suoi passi per fare un annuncio dell’ultimo minuto.

Questa volta il binomio Sorrentino-Servillo sembra non aver convinto i selezionatori, e neanche noi. L’opera è ancora incompiuta, bisognerà aspettare Loro 2 per chiudere il cerchio, ma siamo ben lontani dall’affresco dell’Italia della Prima Repubblica ne Il divo, da dove Andreotti usciva avvolto da un’aura misteriosa e fosca. Il mantra “bisogna perpetuare il male per garantire il bene” viene sostituito da sproloqui sull’inconsistenza della verità. “La gente crede a tutto, serve solo il tono giusto per convincerla”, spiega un Servillo irriconoscibile. Sembra la caricatura di Berlusconi. Canta, balla e dispensa sorrisi al pubblico, mentre cerca di riconquistare la sua Veronica perduta. Personaggi più o meno fittizi si mescolano con la realtà.

Sorrentino imita Fellini, anche se è lontano anni luce. Sostituisce gli intrighi del potere con l’estetica delle grandi feste in piscina, e indugia sulle cene eleganti e il bunga bunga. La storia non finisce qui. Jep Gambardella e La grande bellezza appartengono al passato. E leggendo tra le righe, Sorrentino sembra quasi chiedersi come sia ancora possibile che l’ex-presidente del Milan sia ancora in lizza per diventare Presidente del Consiglio. Intanto a uscirne sconfitto è il cinema.

LA RECENSIONE APPROFONDITA DEL FILM SUL PROSSIMO NUMERO DI FC

I vostri commenti
13

Stai visualizzando  dei 13 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo