logo san paolo
martedì 17 maggio 2022
 
dossier
 

L’uomo resta un mendicante d’amore. Uniti ce la faremo

22/03/2020  In casa c’è vita

Io resto a casa    

Stimatissimo direttore, mai come in questo delicato e angosciante momento di emergenza sanitaria del coronavirus, la casa è diventata un luogo di raccoglimento, lettura e contemplazione.

Il noto motto inglese in lode dell'intimità domestica, della serenità del focolare, così recita: "Home, sweet home" (casa dolce casa). E noi tutti dobbiamo restare a casa, come ci viene richiesto insistentemente dalle autorità preposte, per sconfiggere un male silenzioso e subdolo, contro il quale la scienza medica è gli operatori sanitari stanno lottando alacremente. Quindi non vanifichiamo i loro nobili e indefessi sforzi.

Rimanere tra le mura domestiche è una opportunità per ridisegnare le nostre abitudini e le nostre attività quotidiane. Dobbiamo riscoprire la forza della fede e della preghiera: una panacea per sanare tutti i mali spirituali e corporali. Deve avvenire in noi una palingenesi interiore in materia di affetto, rispetto e amore per il prossimo. Valori, ahimè, troppe volte messi da parte nell'abituale tra tran quotidiano.

Concludo dicendo: questo è il momento di restare a casa. Solo così possiamo obbedire ad un profondo senso civico e ascoltare la voce della nostra coscienza. Tutto volto al bene della collettività in questo duro frangente.

San Paolo diceva: "L'uomo, nonostante le sue conquiste, resta un mendicante in cerca d’amore". Tutti uniti ce la faremo.

Con affetto e stima ineguagliabile.

 

Franco Petraglia

Provincia di Avellino.

Multimedia
“A Gaelic Blessing”, un brano di luce
Correlati
“A Gaelic Blessing”, un brano di luce
Correlati
La Sacra Spina cambia colore
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo