Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
dossier
 

Lupi d’Amare, l’ebbrezza degli otto nodi e mezzo

29/04/2015  Terzo, intensissimo giorno di navigazione: l’isola di Giannutri, i “grottoni”, Cala Galera e altre meraviglie. Anche quella della velocità… Continua il diario della spedizione.

Rotti gli indugi e presa dimestichezza col mare e la nuova imbarcazione, noi Lupi d'Amare non ci siamo tirati indietro e abbiamo sfruttato le ottime condizioni climatiche per macinare un totale di 33 miglia.

La partenza mattutina è avvenuta a Giglio Porto, dove un sole promettente e un vento favorevole ci hanno spinto di buona lena verso l'isola di Giannutri. Durante la traversata abbiamo montato una vela diversa: il gennaker, una grande vela che, col vento in poppa ci ha permesso di toccare la velocità record della nostra crociera, 8 nodi.

Coinvolti tutti nelle manovre di navigazione, nella gestione delle vele e nel timonare la nave, siamo stati ricompensati di queste fatiche da un breve ma meritatissimo pranzo, e dallo splendido ambiente della cala Spalmatoi: un golfetto vulcanico, che ci ha permesso di salire su una delle alture di Giannutri per vedere panorami bellissimi, troneggiati sullo sfondo dal profilo dell'Argentario.


Usciti a motore dalla caletta, abbiamo visto i “grottoni”, grandissime grotte formatesi lungo la parete rocciosa a ovest dell'isola, alta quasi cento metri.

Con il mare ancora una volta nostro alleato, abbiamo ripreso la navigazione per scendere fino alla parte sud dell'Argentario: abbiamo fatto vela verso Cala Galera. Ritirato il grande gennaker, e rimesso al vento il fiocco, abbiamo sentito la barca guizzare d’energia, spinta da un bel vento da nord-nord-ovest che ci ha spinto a chiedere alla nostra imbarcazione un po' di più: in quel momento abbiamo toccato la velocità di otto nodi e mezzo, che non avevamo mai provato prima d'allora.

Verso le diciotto siamo arrivati a Cala Galera, una marina accogliente e ben fornita, che ci ha regalato la gioia della doccia e dei rifornimenti di rito. Al riparo dal vento e dalle onde, dopo una cena americana a base di hamburger cucinati da noi, aspettiamo domani per un'altra lunga navigazione: metteremo la prua della nave in direzione nord, per preparare il rientro di giovedì: arriveremo a Castiglione della Pescaia.


Potete seguire le vicende di quest’avventura velica sulla pagina Facebook “Lupi d'Amare” e ricercando l'hashtag #lupidamare. Buon vento a tutti!


 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo