logo san paolo
mercoledì 22 settembre 2021
 
 

Ho preso i soldi, ammiratemi

03/02/2012  Voglio cambiare mestiere, sull'esempio del senatore Lusi. E se dovessero condannarmi, non criticatemi ma piuttosto ammiratemi.

Il senatore Lusi (copertina e questa foto: Ansa).
Il senatore Lusi (copertina e questa foto: Ansa).

     La faccenda del senatore Lusi, che si è preso dalla cassa della Margherita tredici milioni di euro, ha posto alla grande stampa dei problemi politici e a me un problema personale. Un po’ tutti gli articolisti si chiedono come sia stato possibile un simile furto, senza che nessuno (?!) se ne accorgesse, e come si possa arginare la cascata di soldi ai partiti, fonte di corruzione e malversazioni.

     Io condivido, ma lascio ad altri le soluzioni. Il fatto è che, proprio imparando dal senatore Lusi, ho una reazione diversa. Dopo 66 anni di giornalismo, diconsi sessantasei, mi propongo anch’io di cambiare mestiere. Capisco che la cosa non è semplice. Per rubare milioni, che ai miei tempi erano miliardi, non basta una vocazione. Servono studi, appunto una scuola adeguata. Serve allenamento. Serve soprattutto una specializzazione: un master, come si dice oggi. Meglio ancora se si è parlamentari, amministratori di grossi enti, mandarini dell’apparato statale; tutte qualifiche, ahimè, cui non posso più aspirare. Tanti anni fa ci fu chi mi propose di candidarmi a qualcosa, comprese Camera e Senato. Ma adesso mettono a riposo i cardinali, figuriamoci i giornalisti. Per cui dovrò farmi venire delle idee.     

     Naturalmente dovrò procedere per esclusione. Niente scippi o borseggi, roba da balordi. Niente rapine a mano armata, per le quali bisogna avere la mano, oltre che il pelo sullo stomaco. Niente casseforti da forzare evitando che suoni l’allarme, come succede in banca. Neanche è da tentare la truffa ai vecchietti, non foss’altro che per solidarietà fra coetanei. Oltre tutto, salvo organizzare una gang con lance termiche, sono imprese che non fruttano granchè mentre il senatore Lusi, senza pistole o uso di manolesta, mostra da vero docente  la strada giusta.      

     Dovrò quindi procedere per gradi: in primo luogo, individuare il bersaglio; poi studiare le procedure; infine agire. Quando mi sentirò pronto, sarà mia premura divulgare metodi, traguardi e risultati. Da subito, comunque, posso rendere noto il mio obiettivo. In estrema sintesi, e appunto a imitazione del senatore Lusi, portarmi a casa un bel pacchetto di milioni, proporre di restituirne un terzo e chiedere al giudice un patteggiamento. Diciamo la condanna a un anno, beninteso con la condizionale. Cioè senza andare in galera, luogo che tutti i benpensanti considerano scomodo e poco civile.

     Ditemi un po’ se sbaglio. Anche se non mi dessero la condizionale, e mi affibbiassero un anno a San Vittore o a Regina Coeli, ho già fatto i miei conti. Poniamo che, dopo aver rimborsato un terzo del malloppo – ed è già un favore che faccio – mi restino otto o dieci milioni. Dividiamo per dodici e otterremo fra i sette e i novecentomila euro al mese. Venti o trentamila euro al giorno. Mi pare davvero che ne valga la pena. Se poi fossero arresti domiciliari, non protesterei. Anzi. L’appartamento dove sto in affitto, a prezzi di mercato, dispone anche di un giardinetto. Non dovrei nemmeno rivendicare l’ora d’aria.        

     Capisco che si tratta di obiettivi molto ambiziosi. Ma vi assicuro che fin d’ora avvio la preparazione. Se avrò successo, e leggerete sui giornali che mi hanno condannato per un furto milionario, non compiangetemi. Ammiratemi.                                                                

I vostri commenti
12
scrivi

Stai visualizzando  dei 12 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%