Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 23 giugno 2024
 
Morte improvvisa
 

Lutto: «Quattro giovani sono morti in un incidente. Ora il paese è sotto shock»

25/11/2022  "Nel nostro Paese ci sentiamo tutti persi, adulti e ragazzi. L'altra sera sono morti tre ragazzi dell'Oratorio in un incidente stradale amici anche dei miei figli. Adesso loro sono silenziosi e fanno domande sulla morte, e anche io non so come uscirne fuori.."

Nel nostro paese è successa una grande tragedia. Una notte, di ritorno da una festa, tre ragazzi hanno perso la vita in un incidente stradale. Erano ragazzi di oratorio, tutti avevano avuto a che fare con loro. I miei figli erano loro amici e da quel giorno a me sembra che sia cambiato tutto nel loro modo di affrontare la vita. Sono molto più silenziosi e spesso fanno domande sulla morte. Tra noi famiglie parliamo dell’accaduto, ma poi ci sentiamo impotenti e senza risposte. In tutta la comunità si respira un’atmosfera strana, di sospensione. È come se fossimo ancora tutti con il fiato trattenuto. Dobbiamo ricominciare a respirare, ad alzare lo sguardo, ma nonostante le molte celebrazioni religiose, tutti ancora ci sentiamo come sotto una cappa che non ci lascia mai. È faticosissimo perché non sappiamo cosa fare e come aiutarci reciprocamente. Io come mamma mi sento addosso, sulla pelle, una grande paura, e penso continuamente che in quel terribile incidente potevano esserci i miei figli. Non so come venirne fuori. FRANCESCA

— Cara Francesca, leggere la tua lettera farà venire a molti lettori, così come a me, un senso di angoscia e di impotenza. Di fronte a eventi come quello che racconti, non c’è molto che può essere fatto. Si viene immersi e sommersi da un dolore denso e terribile che sembra non avere mai fine. Si rischia di rimanerne soffocati e, come scrivi anche tu, non si riesce più a riprendere fiato, non si sa come ripartire, non si trova il modo di riaccendere la speranza e riallacciare un filo di continuità tra ciò che c’era prima e ciò che c’è adesso nelle nostre vite.

La perdita di giovani in una comunità ha sempre un impatto traumatico enorme. Ci si identifica con chi si trova a vivere un lutto tanto grande e terribile e al tempo stesso ci si domanda che cosa succederebbe a noi, in una situazione simile. Insomma si perde di vista l’orizzonte e ci si sente disperati e dispersi. Di solito il tempo e la costruzione di reti nella comunità aiutano a ritrovare il giusto passo, ma il processo di uscita dal lutto e dal trauma è molto lungo e impegnativo.

Un aiuto concreto può venire dall’intervento di terapeuti che sanno proporre protocolli rivolti ai gruppi e alla collettività di desensibilizzazione rispetto al trauma collettivo che avete vissuto. In questo senso, molto efficace è il lavoro che fa in Italia l’associazione Emdr di cui puoi trovare informazioni e contatti sul relativo sito: www.emdr.it Può essere utile poi consultare le proposte educative descritte in due bellissimi libri di Marco Maggi: Parole e gesti per dire addio (con B. Aragno, ed. Franco Angeli) e L’educazione emozionale (con A. Ricci, ed. Franco Angeli), da cui catechisti, docenti, educatori possono trarre ispirazione per condurre attività di sostegno e rielaborazione con le famiglie e con i ragazzi/e

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo