logo san paolo
martedì 28 giugno 2022
 
Prossimamente in tv
 

Papa Francesco e papa Ratzinger, questi attori sono due gocce d'acqua

08/09/2017  Netflix ha annunciato le riprese di "The pope", in cui i due pontefici sono interpretati da Anthony Hopkins e Jonathan Pryce

Netflix ha annunciato che il prossimo novembre in Argentina partiranno le riprese di The Pope, un film televisivo che racconterà il momento storico che va dall'elezione di papa Ratzinger alle sue dimissioni, comunicata nel febbraio del 2013, all'elezione di papa Bergoglio, il mese successivo.
  Jonathan Pryce sarà papa Francesco e Anthony Hopkins vestirà i panni di Benedetto XVI. Abbastanza significativa la somiglianza degli attori con i due papi, soprattutto per quanto riguarda Jonathan Pryce. Il pontificato ha dimostrato di esercitare un grande appeal sui telespettatori, decretando il successo di The young pope di Paolo Sorrentino (dove però il papa era immaginario), a cui seguirà a breve la seconda stagione The new pope,
La regia sarà di  Fernando Meirelles (City of God, The constant gardener - La cospirazione) e l'intenzione degli autori (la sceneggiatura è di Anthony McCarten, che ha scritto fra l'altro La teoria del tutto) è anche quella di esplorare le relazioni e le diverse visioni del mondo dei due più potenti leader della Chiesa cattolica e in che modo il passato e la storia personale di entrambi abbia influito, e stia influendo, sui loro pontificati

Oggi puoi leggere GRATIS Famiglia Cristiana, Benessere, Credere, Jesus, GBaby e il Giornalino! Per tutto il mese di agosto sarà possibile leggere gratuitamente queste riviste su smartphone, tablet o pc.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo