logo san paolo
giovedì 01 ottobre 2020
 
Rapporto giovani
 

Ma i giovani sono davvero disimpegnati?

19/11/2013  Sono pochissimi i ventenni italiani che si impegnano nel volontariato. I dati sembrerebbero dipingere una generazione individualista e asociale. Ma è davvero così?

I giovani italiani, oltreché bamboccioni, sono anche disimpegnati e individualisti. Lo dicono chiaramente i numeri: sarà l’ovvio commento di molti che non perderanno l’occasione per stigmatizzare la scarsa partecipazione dell’ultima generazione alla vita sociale e politica del nostro Paese. L’occasione gliela offrono i risultati dell’ultimo “Rapporto Giovani”, realizzato dall’Iscos per conto dell’Istituto Toniolo, e presentato in questi giorni. In essa circa due terzi dei giovani interpellati affermano di non aver mai  fatto esperienze di volontariato; e del terzo restante solo un misero 6% vi si dedica con assiduità. Evvai. Basta e avanza per emettere sentenza di condanna, senza attenuanti: le nuove generazioni sono definitivamente perdute, chiuse nel loro egoismo.   

Ma è davvero l’analisi giusta o si rischia l’ennesima semplificazione che non aiuta a decifrare le complessità dei fenomeni che attraversano l’attuale l’universo giovanile?  Lungi da noi affrontare qui l’arduo discorso delle indagini sociologiche e la “guerra” dei numeri: volendo farlo, c’è sempre il penultimo studio che con i suoi risultati sembra dar contro alle risultanze dell’ultimo. Ma non c’è motivo per dubitare di questi dati, anzi. C’è solo da ragionarci un po’ su, per leggerli nelle pieghe e trarne, se possibile, una qualche idea che torni utile per la comprensione del reale.

Per esempio, perché non capovolgiamo il punto di vista: invece che lapidare sommariamente i giovani, perché non proviamo a pensare che forse il variegato mondo del volontariato italiano, non indenne da crisi d’identità, sta facendo ben poco per attrarre i ventenni nelle associazioni, per conquistarsi attenzioni e adesioni?  Stessi numeri, analisi opposta, insomma.    Vogliamo proseguire col gioco e andare a vedere l’impegno dei giovani in una formazione politica? Solo un residuale 1,7% dichiara di essere un attivista dentro un partito. Da dove viene questo evidente disincanto? Da una deriva egoistica causata da una misteriosa mutazione genetica che colpisce chi è sotto i 29 anni? Non sarà invece  perché i politici “di professione”, la classe politica in quanto tale ha dato per lustri pessimo esempio di sé, coltivando scandalosamente “interessi privati”  e screditando  del tutto il nobile impegno per il bene comune? Vogliamo, infine, parlare di  quanto ci abbiano messo del loro gli ultimi governi per soffocare l’entusiasmo dei giovani  nei confronti dell’impegno  nel Servizio civile? E’ solo colpa dello Stato se in sette anni i posti disponibili sono precipitati da oltre 57 mila all’attuale miseria di 15 mila, ma non perché ci fosse il disinteresse dei giovani: in 70 mila ne avevano fatto richiesta nell’ultimo anno.   

Quello, insomma, che potrebbe indicarci l’indagine del Toniolo è quanto qualcuno non vorrebbe sentirsi dire, e cioè che esiste una generazione, non  certo quella dei ventenni, ma quella dei loro padri, che ha fatto di tutto, ma davvero di tutto, per spegnere i desideri di protagonismo solidale, gli slanci altruistici, le idealità generose dei figli. E se ciò non bastasse ha consegnato loro, in cambio, la maggior incertezza economica dal dopoguerra, l’impossibilità di trovare un posto di lavoro e il macigno di uno dei debiti pubblici più alti del mondo. Altro che padri assenti, almeno in questo ambito. Colpevolmente presentissimi, purtroppo.   

I vostri commenti
4
scrivi

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%