logo san paolo
martedì 07 dicembre 2021
 
 

"Ma la Chiesa ha da tempo voltato pagina"

06/02/2014  Secondo il prete anti-pedofilia, don Fortunato Di Noto, il rapporto della Commissione Onu "pecca di ideologia": "Da almeno dieci anni la Chiesa ha affrontato il problema con grande severità e sta adottando contromisure efficaci".

Don Fortunato Di Noto
Don Fortunato Di Noto

Mi pare che il documento della Commissione Onu pecchi di ideologizzazione”. E’ il primo commento di don Fortunato Di Noto, prete siciliano, presidente nonché fondatore di Meter, una vita impegnata contro gli abusi sui minori e la pedofilia. “Certamente, il passato non si deve dimenticare e neanche gli errori commessi, ma è una pagina chiusa. E’ accaduto che diocesi e vescovi abbiano agito coprendo sacerdoti che si erano macchiati di abusi. Ma è altrettanto vero che da almeno una decina d’anni, grazie all’intervento di due pontefici, si sia voltato pagina. Oggi un consacrato che viene riconosciuto responsabile di atti di pedofilia viene ridotto allo stato laicale. Punto e basta”.  

Il sacerdote, conosciuto in tutt’Italia per le sue numerose battaglie contro il dilagante fenomeno della pedopornografia, osserva ancora  come sia cambiato l’atteggiamento delle gerarchie cattoliche sul delicato problema: “Non s’è messa la testa sotto la sabbia, ma, sebbene con fatica, si sono studiate  le misure migliori per evitare  il reiterarsi dei reati su nuove vittime innocenti. Ricordo solo la creazione di tante commissioni diocesane ad hoc in giro per il mondo e l’attenzione sulla questione posta all’interno degli itinerari formativi nei seminari. Molto resta da fare ancora, ma un processo virtuoso è partito”.    D’altra parte, osserva anocora don Di Noto, la via maestra l’ha indicata papa Francesco quando ha detto che il cristiano e la Chiesa non possono che dare sempre l’esempio. “Se è vero che la Chiesa è ‘luce delle genti’  - conclude  Di Noto -  non può non far luce anche su questo aspetto che coinvolge i fondamentali  diritti dei  minori”.                 

     Meter, l’associazione da lui presieduta, si batte dal 1989  per la  tutela dei bambini, con il costante monitoraggio della rete in collaborazione con le forze dell’ordine; in questi anni ha aperto sportelli informativi e centri d’accoglienza per le vittime degli abusi sessuali e ha lanciato la “Giornata Bambini Vittime della violenza, dell'indifferenza e dello sfruttamento”.   

 E’ di questi giorni la notizia (vedi il servizio su famigliacristiana.it  del 5/2/2014) che l’associazione potrebbe chiudere i battenti per il blocco dei fondi della Regione Sicilia. I cinque dipendenti di Meter sono già stati licenziati. 

Chi volesse aiutare economicamente Meter onlus può farlo utilizzando il  conto corrente postale (IBAN Postale: IT 44 M076 0117 1000 0003 7700 408 - BIC: BPPIITRRXXX) o versando offerte tramite bollettino di conto corrente postale n. 37 700 408  ovvero, infine, usando l'IBAN Bancario: IT 64 P030 6984 6301 0000 0003 066 - BIC: BCITITMM.

Multimedia
Chi è Jozef Wesolowski, dalla diplomazia all'arresto
Correlati
I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo