logo san paolo
mercoledì 08 luglio 2020
 
 

Ma la Serie A può fare sciopero?

08/08/2011  Sulla carta sì, è un contratto come un altro. Ma paventare la serrata dei paperoni in tempi di gravissima crisi, corre il rischio di suonare indecente.

Del Piero, Totti, Gattuso, Zanetti.
Del Piero, Totti, Gattuso, Zanetti.

Stavolta l'autografo che a volte firmano sospirando, l'hanno messo volentieri tutti quanti. Davanti al contratto collettivo che non si firma si sono mobilitati i capitani: Totti, Del Piero, Gattuso, Zanetti, venti in tutto, quelli con il nome pesante. Hanno messo nero su bianco che se non si firma il contratto collettivo, per cui c'è un accordo raggiunto da maggio, la Serie A non parte: si serrano le porte del campo di calcio, si sciopera.

In sé, formalmente, è tutto legittimo. L'accordo c'è ma i presidenti non firmano (stupendo esempio di volatilità della parola data): oggetto del contendere i giocatori fuori rosa. I presidenti pretendono che si allenino separatamente, i calciatori temono che la separazione comporti rischio di mobbing.

Se le rivendicazioni sono in sé sensate, resta un'ombra che riguarda le parole e i concetti in campo. Parliamo di contratti e di scioperi, in un momento in cui l'Italia intera avrebbe buone ragioni per stare in piazza a rivendicare: un'economia più equa, diritti negati, lavoro che non c'è o sta relegato nel sommerso. Scendono in piazza, da una parte e dall'altra - vale per i presidenti e per i giocatori - i titolari di un realtà lavorativa, in cui girano a stagione quattrini che le persone normali non solo non vedranno in una vita, ma che non sanno neppure immaginare tutti insieme, a meno di non pensare alla vasca di monete d'oro di zio Paperone.

E allora, fatta salva la legittimità delle rivendicazioni, bisognerebbe chiamare in causa la delicatezza, per ricordarsi che lo stipendio milionario lo pagano sì i presidenti, ma solo perché ci sono un sacco di persone comuni, con o senza lavoro, con  e senza contratto, che pagano il biglietto dello stadio o l'abbonamento alla pay-Tv.

Ecco per rispetto a loro, sarebbe il caso di scendere dal cocchio tutti quanti, di leggere un po' più giornali, non solo le pagelle della partita, ma anche le prime pagine, quelle in cui si parla dell'economia che va a rotoli, per avvicinarsi un pelo al mondo di tutti. Per capire che, in un luogo - l'Italia - in cui il 30% degli under 30, cioè dei coetanei dei calciatori, non può scioperare semplicemente perché non ha un lavoro, e tanti di quelli che ce l'hanno non hanno contratti da riventicare perché sono "atipici" e un contratto collettivo se lo sognano la notte,  in un luogo in cui molte famiglie stanno perdendo i pochi risparmi investiti in titoli di Stato, minacciare uno sciopero, quantunque legittimo, se a farlo è una categoria che guadagna milioni di euro a stagione, potrebbe suonare indecente.

Non è questione di legittimità, è questione di sensibilità: di provare a dimostrare che il calcio è sì un bel modo di dimenticarsi per novanta minuti i mali del mondo, ma non è sempre, come sembra, fuori dal mondo.

I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%