Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 17 aprile 2024
 
Il Teologo risponde
 

Ma l’omeopatia ha a che fare con il maligno?

14/03/2017 

LUISA. Secondo un’amica, l’omeopatia è stata ideata con l’aiuto del maligno e, dopo un temporaneo benessere, provoca grossi guai. Che ne dice?

La parola omeopatia si riferisce a medicine non convenzionali e, pertanto, non collaudate scientificamente. I pareri sono diversi e anche contrapposti tra chi ne sostiene l’efficacia e chi la nega, paragonandola all’effetto placebo, cioè medicalmente inefficace. L’Organizzazione mondiale della sanità, nel 2009, ha dichiarato che, «per malattie particolarmente gravi, l’utilizzo dell’omeopatia al posto delle terapie convenzionali e collaudate scientificamente è rischioso per la salute e la vita». In altre parole, le terapie omeopatiche non sono alternative alla medicina collaudata, ma eventualmente complementari. Per spiegare la diffusione dell’omeopatia non è il caso di scomodare il maligno o guaritori. Il ricorso a essa esprime piuttosto l’aspettativa di una terapia più personalizzata e umanizzata rispetto a quella ufficiale. È saggio l’avvertimento generale a considerare l’omeopatia solo complementare. La prudenza conduce a prendere la decisione più giusta nel dialogo tra il paziente (i suoi familiari) e la competenza del medico.

I vostri commenti
19

Stai visualizzando  dei 19 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo