logo san paolo
venerdì 19 agosto 2022
 
 

Ma quelle torri sono Dolomiti o grattacieli?

24/11/2010  Non piace a nessuno il logo scelto dalla Fondazione Dolomiti Unesco per rappresentare i "Monti pallidi" . E scoppia la polemica. L'ennesima.

  Non ce ne eravamo mai accorti: le Tre cime di Lavaredo, simboli naturali per eccellenza delle Dolomiti, in realtà, sono quattro. Forse in ossequio alla “par condicio” tra le quattro culture e lingue dolomitiche, il marchio scelto dalla Fondazione Dolomiti Unesco per simboleggiare la regione alpina appena entrata a far parte del "Patrimonio dell’umanità" raffigura qualcosa che assomiglia a quattro vette. Assomiglia appunto, ma molto alla lontana. Anzi, non ci assomiglia affatto.

A prima vista, infatti, quei quattro monoliti stilizzati bianchi su sfondo rosso che campeggiano sul logo vincitore del concorso sembrano più dei grattacieli diroccati che delle cime; richiamano alla mente quelle torri-alveare che delineano gli squallidi skyline di troppe periferie urbane, piuttosto che le ardite verticalità delle montagne più belle del mondo . Se non fosse per l’indicazione scritta sulla destra che traduce il termine “Dolomiti” nelle quattro lingue parlate in quest’area (italiano, tedesco, ladino e friulano) ammettiamolo, pochi capirebbero che si sta parlando di montagne. Per inciso, questo logo è stato ritenuto il migliore tra gli oltre quattrocento in gara.

Così sul marchio è precipitata, è il caso di dirlo, una vera e propria valanga di critiche: sono migliaia le firme già raccolte nel sito www.firmiamo.it che si propone di buttare a mare quel logo così poco evocante la bellezza mozzafiato dei "Monti pallidi". Reinhold Messner, che di design non è un esperto ma di cultura della montagna invece sì, non voleva crederci: “Pensavo fosse un disegno preparato per raffigurare New York”. Oliviero Toscani, che di alpinismo non macina molto, ma di immagine è maestro indiscusso, è stato ancor più caustico: “sembra un marchio di una carne in scatola”.

Gli albergatori dell'area hanno già deciso di "oscurarlo". Ma a bocciare il logo è addirittura l’autorità culturale massima per la montagna: il Club Alpino Italiano . Non c’è storia: le sezioni dolomitiche del Cai concordano sulla sua bruttezza. Insomma, una vera rivolta anti-logo e per la Fondazione un imbarazzante incidente di percorso. Non che la gestione della nuova area tutelata dall’Unesco fosse nata sotto auspici migliori: qualche mese fa le Province di Belluno, Trento e Bolzano s'erano già rese protagoniste di una stucchevole polemica sulla scelta della sede del comitato.

Alla fine, dopo liti e dispetti, la sede legale s’è deciso d'attribuirla a Belluno. E la presidenza? A rotazione tra le province coinvolte, in nome del principio di co-decision che, a naso, non garantisce risparmi gestionali. Insomma se le Dolomiti hanno bisogno di tutela, questo non è certo il modo migliore per cominciare a garantirla. E se proprio si voleva prendere a simbolo un gruppo dolomitico, visto che le province che danno il loro territorio a questi monti sono cinque, ci si poteva ispirare alle arcinote Cinque Torri. Ma a patto di tracciarne una silhouette che le rendesse distinguibili dai grattacieli di Manhattan. Un’impresa non impossibile. Comunque più semplice un passaggio di sesto grado sulla Grande di Lavaredo.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo