logo san paolo
martedì 22 giugno 2021
 
Macerata-Loreto
 

Macerata-Loreto, il Papa: «Ci attendono tempi difficili, chiedete coraggio alla Madonna»

14/06/2020 

Necessariamente originale e inedita, la 42° edizione della Macerata-Loreto ha visto poche decine di persone fisicamente presenti, ma ne ha coinvolte migliaia, attraverso i mezzi di comunicazione sociale: TV2000 e le dirette social. «​Lei mi dica quando devo cominciare …». Alle 21.05 di sabato 13 giugno la voce di papa Francesco, per l’ottava volta dal 2013, ha dato inizio al Pellegrinaggio. Una versione sui generis, dettata dalla pandemia, e che ha avuto come palcoscenico non le campagne del Maceratese ma la limpida architettura del catino del Bramante e l’interno solenne della Santa Casa. Neanche una cinquantina di persone in tutto, a recitare il rosario, cantare e leggere alcune delle migliaia di intenzioni di preghiera giunte a Loreto da Bari come da Pechino, dal Veneto come da New York. «Vi sono vicino in questo pellegrinaggio virtuale – ha assicurato il Papa – Quelli che ci attendono non saranno tempi facili, ma con la fede, il coraggio e la speranza andremo avanti. Chiedete alla Madonna questo coraggio. Che il Signore vi benedica e Maria vi custodisca». Poi, l’invito a pregare per lui e una battuta per congedarsi da monsignor Vecerrica, che ad ogni telefonata del pontefice parla sempre dei “Pellegrini di Papa Francesco”: «non del Papa, ma della Madonna».

La telefonata del Papa è arrivata poco dopo che il piccolo corteo del Pellegrinaggio era giunto sul sagrato della chiesa, entrando dall’arco vicino alla statua di papa Giovanni XXIII: i due vescovi, Vecerrica e Dal Cin, il rettore della Basilica, il sindaco della città, un disabile in carrozzina (uno di quelli che durante la notte aprono il cammino), due studenti con i cesti delle intenzioni di preghiera e il tedoforo con la fiaccola, benedetta poche ore prima a Macerata da monsignor Nazzareno Marconi. Il vescovo, nel corso della breve cerimonia nella basilica della Misericordia, aveva parlato di «un pellegrinaggio del cuore che possono fare tutti, in tutte le parti del mondo, un pellegrinaggio del cuore che parte da qui, cuore a cuore con la Madonna, e arriva fino a Loreto».

Il presidente del Comitato del Pellegrinaggio Ermanno Calzolaio ha ricordato le parole del Papa in piazza san Pietro, la memorabile sera del 27 marzo: «La tempesta (della pandemia) smaschera la nostra vulnerabilità e lascia scoperte quelle false e superflue sicurezze con cui abbiamo costruito le nostre agende, i nostri progetti, le nostre abitudini e priorità». «Il nostro io resiste in modo irriducibile – ha aggiunto Calzolaio – Il gesto di stasera è una occasione, offerta alla libertà di ciascuno, per non voltare la faccia di fronte al nostro bisogno e imparare dalla Madonna a dire “sì” al Mistero che ci raggiunge nelle circostanze del vivere». A don Luigi Traini il compito di introdurre la recita del Rosario che «ci porta dentro all’iniziativa di Gesù che salva il presente», perché Dio, ricorda il Papa, «volge al bene tutto, anche le cose brutte». Alla domanda che tutti ci facciamo: “come ripartire?”, don Luigi ha risposto ricordando che Dio «cambia la storia non grazie ad un atto di potere mondano ma partendo dal nostro “sì”, come è partito dalla scelta che duemila anni fa fece una giovane donna della Palestina». 

In Basilica il pellegrinaggio è entrato attraverso la Porta Santa del Giubileo, «ed è come salire sulla barca di Gesù –parole di don Giancarlo – e consegnargli le nostre paure». Le parole dell’Ecce lignum crucis hanno accompagnato il corteo fino alla Santa Casa, dov'è proseguita la recita del Rosario. Fra una decina e l’altra, le parole di Francesco e le suppliche, i ringraziamenti, le invocazioni di una umanità sofferente e fiduciosa: persone che hanno perso i loro cari per la pandemia, famiglie che soffrono, disoccupati, medici in prima linea, gente che è miracolosamente scampata ad un pericolo. Dopo l’adorazione eucaristica, in otto, vescovi in testa, sono arrivati al cospetto della Madonna nera e i due studenti hanno consegnato ai piedi di Maria le tantissime intenzioni di preghiera arrivate nella sede di piazza Strambi. Il congedo è essenziale, come nello stile di don Giancarlo: «cominciate ogni giorno con la recita della preghiera dell’Angelus: è il nostro contributo alla ripartenza di tutto il mondo». Prima della benedizione finale, monsignor Fabio Dal Cin («bravo quel ragazzo», lo aveva salutato il Papa) ha ringraziato don Giancarlo per il suo entusiasmo contagioso e ricordato che «il Signore ci vuol bene e non ci abbandona mai». Alle 22.00 in punto, la diretta di TV2000 si è chiusa con le immagini sempre emozionanti della discesa dei pellegrini a Monte Reale verso la piazza della Basilica. Un appuntamento rimandato di un anno.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%
PAROLA E PREGHIERA
€ 33,60 € 33,50
VITA PASTORALE
€ 29,00
GAZZETTA D'ALBA
€ 62,40 € 53,90 - 14%