logo san paolo
mercoledì 01 dicembre 2021
 
dossier
 

Mai così tanti rifugiati

20/06/2016  Oggi è la Giornata mondiale del rifugiato. Il rapporto annuale dell'Unhcr "Global Trends" parla di 65,3 milioni di persone nel 2015, il numero più alto registrato.

Fuggono da guerre, persecuzioni e violenze: secondo il rapporto annuale dell'Unhcr “Global Trends” (Tendenze globali), nel 2015 i rifugiati nel mondo sono stati 65,3 milioni, inclusi 3,2 milioni di persone che erano in attesa di decisione sulle loro richieste di asilo nei paesi industrializzati.  21,3 milioni  sono approdati in altri paesi rispetto a quelli di origine (1,8 milioni in più rispetto al 2014 e il dato più alto dall'inizio degli anni '90), mentre 40,8 milioni di persone costrette a fuggire dalle proprie case si trovavano ancora all'interno dei confini dei loro Paesi (il numero più alto mai registrato, in aumento di 2,6 milioni rispetto al 2014). È la prima volta che la soglia di 60 milioni è stata superata. Circa la metà dei rifugiati di tutto il mondo sono bambini e la guerra in Siria - afferma l'Unhcr - resta la principale causa mondiale di fuga. Lo scorso anno un milione sono approdati in Europa attraverso il Mediterraneo, e 3.771 sono morti nella traversata. Un’autentica strage. Solo nel 2015, in Italia, sono stati 153.842 gli arrivi di migranti e rifugiati via mare mentre in questi primi mesi del 2016 quasi 52mila gli arrivi e 2.859 i morti e si prevede che questo numero aumenti vertiginosamente nei prossimi giorni e con esso anche il rischio di altre perdite di vite umane in mare.  Oggi è la Giornata mondiale del rifugiato, il momento, ha detto il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon «per fare il punto dell'impatto devastante di guerre e persecuzioni, ma anche per rendere omaggio alle comunità e agli Stati che ricevono e ospitano i profughi. L'aumento della xenofobia e delle restrizioni in materia di accesso all'asilo sono diventati sempre più visibili in alcune regioni, dove lo spirito di condivisione delle responsabilità è stato sostituito dall'intolleranza», ha concluso Ban, sottolineando però che in molti paesi ci sono state «straordinarie manifestazioni di solidarietà».Un nuovo appello ad accogliere i rifugiati e a considerarli come tutti noi è arrivato dal Papa nell’Angelus del 19 giugno. «I rifugiati sono persone come tutti, ma alle quali la guerra ha tolto casa, lavoro, parenti, amici. Le loro storie e i loro voltiۚ» ha detto Papa Francesco «ci chiamano a rinnovare l'impegno per costruire la pace nella giustizia. Per questo vogliamo stare con loro: incontrarli, accoglierli, ascoltarli, per diventare insieme artigiani di pace».

Multimedia
Dalla Sicilia alla Grecia, le vite nel limbo dei profughi
Correlati
I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo