Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 12 giugno 2024
 
 

Mamma adolescente: 2 minori a rischio

10/06/2013  Presentati i risultati del progetto promosso da Fondazione Ambrosiana per la Vita in partnership con Università di Milano Bicocca

C'è una fase prenatale di accoglienza presso l'ambulatorio del reparto di ostetricia e ginecologia dell'ospedale San Paolo di Milano, e una postnatale, dai 2 mesi ai 2 anni di vita del bambino, presso il servizio di accompagnamento alla crescita per giovani mamme. Il team a disposizione delle "teen moms" che, nell'ambito del progetto "Madre adolescente: due minori a rischio", da sole o con i loro partner decidono di intraprendere questo percorso è composto da psicologi, neuropsichiatri infantili, assistenti sociali, neuropsicomotricisti, ginecologi e ostetriche. Quella che infatti fino a qualche anno fa era una questione assai più frequente nel mondo anglosassone, ora anche in Italia i numeri iniziano a diventare significativi: sono sempre di più e sempre più giovani le ragazzine che rimangono incinte

Gli obiettivi del progetto promosso da Fondazione Ambrosiana per la Vita e università di Milano Bicocca in collaborazione con ospedale San Paolo e Fondazione Cariplo, sono due livelli differenti: da una parte c'è l'aspetto della prevenzione per ridurre il rischio depressivo nelle mamme, evitare lo "sconfinamento" in casi di maltrattamento e trascuratezza nei confronti del bambino, affrontare problematiche psicopatologiche; dall'altra, si cerca di favorire nelle mamme l'integrazione dell'esperienza della gravidanza e della relazione con il bambino con la propria fase evolutiva e di consolidare uno sviluppo socio-emotivo adeguato.

Da marzo 2011 a marzo 2013 la sperimentazione ha interessato 43 madri adolescenti e bambini con i loro padri, di cui 26 seguite dai 2 ai 14 mesi; l'età media delle mamme coinvolte è 18,5 anni, 23,4 quella dei padri. Nel 70% dei casi si è trattato di gravidanze non desiderate. Tutte le ragazze coinvolte, con due sole eccezioni, hanno un partner stabile e sette sono sposate. Dieci, invece, abitano nella famiglia di origine con il partner.

Nella "graduatoria" di fattori di rischio prevalenti spiccano l'assenza di un lavoro (79%), l'interruzione degli studi (45%), la depressione (34%), l'alto stress genitoriale (30%) e un vissuto di trascuratezza e abuso (30%). Nella quasi totalità dei casi sono stati riscontrati contesti familiari a rischio, genitorialità precoci delle proprie madri, scarso sostegno sociale e basso livello di istruzione. 

Dopo tre mesi di intervento, si sono registrati aumenti significativi della sensibilità delle madri, della responsività e della capacità comunicativa del bambino. A 14 mesi, nei casi che hanno compiuto un anno di vita, il 77% dei bambini ha dimostrato un attaccamento sicuro alla madre e l'assenza di episodi di maltrattamento e abuso.

«Sebbene sia difficile stabilire un nesso causale tra maltrattamento infantile e successiva gravidanza in età adolescenziale - si legge nelle slide presentate in concomitanza con il "punto" sulla sperimentazione del progetto - in alcuni studi emerge che tra il 50% e il 60% di questi soggetti ha alle spalle una storia di abuso fisico/psichico».

«Il maltrattamento infantile può avere luogo attraverso la trascuratezza, il maltrattamento fisico, l'abuso sessuale, e l'abuso emozionale, altrimenti detto maltrattamento psicologico, che si concretizza in persistenti maltrattamenti emotivi e atteggiamenti di denigrazione e di rifiuto». 

«Di particolare interesse sono gli studi che dimostrano come gli stati emotivi della madre si trasmettano al feto e possano condizionare lo sviluppo del suo cervello e quindi la struttura del suo futuro funzionamento mentale».

«È condivisa l'idea che la maturazione è un processo che avviene in funzione dell'esperienza e che è la qualità dell'esperienza stessa a determinare il tipo di sviluppo».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo