Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 30 maggio 2024
 
lavoro e famiglia
 

Mamme che lavorano e mamme che le sgridano

16/09/2015  Nella diatriba tra mamma che lavorano e quelle che preferiscono, potendoselo permettere, stare a casa, l'importante è che ciascuno sia sicura della sua scelta e non giudichi quelle delle altre. Non esistono le cattive da una parte e le perfette dall'altra.

Non mi è piaciuta affatto la sua risposta sulle mamme che lavorano. Mi chiedo: quale impronta educativa possono dare due genitori assenti tutto il giorno? Le lavoratrici con bimbi piccoli, dopo che hanno dimostrato a loro stesse e al mondo di saperli fare... li trattano come pacchi. Al mattino, infagottati alla meglio, li mollano al nido o dai nonni, che dopo una vita di lavoro avrebbero diritto di stare un po’ tranquilli, mentre, poveretti, sono perennemente al loro servizio. I bambini crescono male perché si sentono abbandonati nei momenti più delicati e si colpevolizzano a causa delle decisioni dei grandi, con segni profondi nella loro psiche.
E vogliamo parlare delle mamme che occupano posti di lavoro, pur avendo un marito che potrebbe mantenerle, mentre la disoccupazione giovanile aumenta, producendo poveri disperati, spesso dediti ad alcool, droga o suicidio? Non è forse questa una egoistica vergogna sociale? La casalinga invece fa un lavoro molto duro, non retribuito anche se di enorme valore umano e sociale; non ha sensi di  colpa e c’è sempre, facendosi carico di ogni necessità. Il marito può lavorare sereno sapendo di avere una casa ben custodita, e i nonni possono godersi il loro ruolo. La casa è in ordine e pulita, il pranzo e la cena pronti. Se ha bisogno di aiuto, marito e gli sono disponibili. Se tutto ciò non è positivo mi dica lei allora cos’è.

TERESA, UNA LETTRICE ATTENTA

Cara Teresa, facendo un’eccezione le ho dato spazio - molto come vede - anche se qui scriverebbero i padri. Ma ci tengo a non nascondere le critiche. Nella risposta del n. 30 mi dichiaravo contraria a stabilire “blocchi” di mamme, casalinghe o meno, e di conseguenza brave o meno. Scrivevo che per me non ci sono categorie “vincenti” ma singole mamme, una diversa dall’altra, con scelte e storie diverse. Con la medesima sincerità gentile che mi offre lei, le dico che anche la sua descrizione -cattive da una parte e perfette dall’altra - “non mi è piaciuta affatto”. Soprattutto perché, a differenza di quanto posso provare io, che ho abbastanza anni e figli da non cercare, da tempo ormai, il plauso degli altri, penso alle lettrici giovani mamme che di tutto hanno bisogno fuorché di allarmi e condanne.

RENATA MADERNA

I vostri commenti
10

Stai visualizzando  dei 10 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo