Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 
mamme a lavoro
 

Mamme meno attaccate al lavoro?

01/02/2024  «Sono indignato dopo aver letto una notizia riportata su internet di una manager inglese che ha deciso di dare le dimissioni stanca di lavorare, lei che non ha figli, al posto delle mamme che sarebbero “inaffidabili”, perché starebbero a casa spesso per curare i bambini» Leggi la risposta di Renata Maderna

Sono indignato dopo aver letto una notizia riportata su internet di una manager inglese che ha deciso di dare le dimissioni stanca di lavorare, lei che non ha figli, al posto delle mamme che sarebbero “inaffidabili”, perché starebbero a casa spesso per curare i bambini.

Secondo lei ci sarebbe una differenza abissale tra l’impegno e la fatica che lei ha messo nel suo impiego di responsabile di un negozio rispetto alle colleghe che, quando i bambini sono malati, possono usufruire di un permesso.

Si è spinta anche a dire che siccome molte mamme lavorano part time sono meno attaccate al lavoro. Ma scherziamo? Ho una moglie e molte amiche che fanno i salti mortali per conciliare la famiglia e l’impiego e non si meritano certo questa descrizione!

EMANUELE

 

Risposta di Renata Maderna

– Caro Emanuele, i salti mortali spesso sono provocati proprio dal desiderio di non essere etichettate come meno affidabili. In quarant’anni di lavoro posso dire di aver visto mamme con un senso del dovere e una disponibilità ammirevoli a cui fra l’altro si aggiungono una flessibilità e una capacità di adattarsi a impegni e imprevisti diversi, imparate quotidianamente in famiglia.

Da quel che ho letto sul Daily Mail Samantha Walsh si lamenta anche del fatto che lei non potrebbe prendere il permesso di maternità! Per rivendicare i diritti delle “non mamme” ha iniziato un gruppo Facebook e un sito internet. Quel che preoccupa di più, secondo me, è proprio uno strisciante pensiero che sembra voler mettere in contrasto da una parte le madri e dall’altra le donne che non hanno figli.

Come se non sapessimo bene che, sul lavoro o in famiglia, quel che conta è la persona singola, il suo senso del dovere, l’attaccamento e la passione per il lavoro. Ragionare per categorie, l’una contro l’altra armate non serve a nulla.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo