Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
Colloqui col Padre
 

«Mamme online, avete solo voglia di apparire»

21/09/2018 

Gent.mo direttore, le scrivo in merito all’articolo pubblicato sul n. 26 “Mamme online, una miniera d’oro di consigli”. Non molto tempo fa i miei figli avevano dei diari “segreti” con tanto di chiave che servivano a sfogarsi, a riŽettere rileggendo quanto avevano scritto. Oggi, mi sembra che i diari online servano più che altro a mettere in piazza esperienze e sentimenti, mettendo tutto e tutti sullo stesso piano. Famiglia compresa. Non credo che queste giovani mamme non possano più trovare familiari, vicini di casa o amiche in grado di dare suggerimenti e consigli. Anzi, queste persone “in carne e ossa” potrebbero farlo con maggiore buon senso. Perché questo non succede? Da cosa dipende questa smania di apparire al mondo intero? Vorrei dire a queste mamme che dovrebbero imparare a rivolgersi alle persone più anziane perché hanno vissuto un’esistenza che ha permesso alle generazioni successive di avere una vita migliore. Allora mi chiedo: sono davvero una miniera d’oro i consigli delle mamme online, oppure contribuiscono ad aumentare la mancanza di considerazione delle persone che ci stanno vicino e la distanza fra le generazioni?

ANGIOLA PENNATI

Anch’io non capisco questa smania di mettere in piazza esperienze e sentimenti. E come te, cara Angiola, penso che l’ascolto delle persone più anziane, con il loro bagaglio di esperienza, sia utile e importante. Bisogna però prendere atto che il mondo è cambiato e che oggi le giovani generazioni preferiscano uno scambio attraverso siti e blog. L’anonimato (illusorio) che garantisce la Rete rende più facili le confidenze reciproche. Probabilmente la via di mezzo è la scelta migliore: lo scambio alla pari tra amiche mediante Internet va unito al dialogo diretto con persone più anziane, genitori, familiari, vicini di casa. Senza dimenticare che in certe situazioni è bene affidarsi a un vero esperto, come il ginecologo o il pediatra.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo