Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 23 giugno 2024
 
 

Mara Maionchi dalla parte del GILS

13/03/2013  Sabato 16 marzo l'Aula Magna dell'università degli studi di Milano ospita la XIX Giornata per la lotta alla sclerodermia. Il futuro dei malati

La sclerodermia, letteralmente "pelle dura", è una malattia cronica ed evolutiva, rara ma non rarissima, poco conosciuta, che colpisce soprattutto le donne: in Italia ne soffrono 30mila persone.


In sostanza si tratta di una patologia caratterizzata dalla fibrosi della cute che nel tempo può estendersi anche agli organi interni: apparato gastrointestinale, polmoni, reni e cuore. Ciò che la rende difficile da combattere è che si tratta di una malattia autoimmune, cioè dovuta alla presenza di una reazione diretta contro gli stessi tessuti dell'organismo.

Un segno clinico costante è il fenomeno di Raynaud, che si manifesta con un tipico pallore delle dita delle mani e dei piedi. Il pallore è dovuto alla diminuzione dell'afflusso di sangue e, generalmente, si accompagna a una diminuzione delle temperatura cutanea, unita a dolore e a un'alterazione della sensibilità.

Sabato 16 marzo si celebra la XIX giornata per la lotta alla sclerodermia, promossa da GILS, onlus schierata in prima linea nella ricerca e nella progettazione, nella consulenza e nella formaione, nella comunicazione e nell'informazione. Medici (mercoledì 15.30-17.30), psicologi (martedì 10.00-17.00), avvocati rispondono al numero verde 800080266 per tutti coloro che necessitano di un consulto, un'informazione, un sostegno, un orientamento. E i volontari del centro d'ascolto sono attivi dal lunedì al giovedì dalle 13.30 alle 17.30 e il venerdì fino alle 16.00.

«Quest’anno - ha spiegato Carla Garbagnati Crosti, Presidente del GILS - abbiamo voluto porre, ancora una volta, l’attenzione sulla mano, un organo di movimento indispensabile ed importante per la nostra vita personale, familiare, lavorativa e di relazione. Proprio lei, o per le ulcere, o per il progredire della malattia, perde  mobilità e forza e spesso né la fisioterapia né il medico specialista riescono a risolvere la situazione».

Partecipano all'incontro il professor Giorgio Pajardi, presidente della Società Italiana per la Chirurgia della Mano e Direttore dell’UOC di Chirurgia della mano presso il Policlinico Multi Medica IRCCS di Milano e la professoressa Raffaella Scorza dell’Università di Milano, Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo