Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 aprile 2024
 
Atletica
 

Marcell Jacobs è ancora qui, più forte delle critiche

17/08/2022  Nello sport è un classico essere sbalzati dalla polvere agli altari e viceversa, senza il tempo di rendersi conto. È sempre accaduto. Ma di lì a dare per smarrito il doppio campione olimpico di Tokyo e il campione del mondo Indoor sarebbe dovuto passare almeno il minimo sindacale della pazienza

Non è una novità di questo tempo storico, nello sport è un classico essere sbalzati dalla polvere agli altari e viceversa, senza il tempo di rendersi conto. È sempre accaduto. Ma nell’era dei social la velocità del processo è accelerata, essere dati per finiti al primo giorno storto, al primo infortunio, al primo passo falso è un attimo. Plotoni di dita si attivano sulle tastiere senza un istante di riflessione e sono altrettanti plotoni di esecuzione. Sentenze definitive, per fortuna solo fino alla gara successiva. È vero, non era stata facile la stagione all’aperto di Marcell Jacobs fin qui: un’infezione a Nairobi, un infortunio a Eugene durante il mondiale, poche uscite in mezzo alle fucilate della malasorte. Ma di lì a dare per smarrito il doppio campione olimpico di Tokyo e il campione del mondo Indoor sarebbe dovuto passare almeno il minimo sindacale della pazienza.

E infatti Marcell Jacobs è ancora qui: campione europeo sui 100 e più di tutto ha detto l’esultanza dell’inglese Hughes, secondo: solo chi si aspetta di essere battuto si accontenta dell’argento. Terzo l'altro inglese Azu. Chi non si accontenta è Marcell, che pure è felice del suo oro: non aveva ancora la medaglia al collo e già faceva autocritica in diretta, per il tempo 9.95, che a suo dire sarebbe potuto essere migliore e per la corsa contratta che in finale non è stata la sua solita, perfetta e sciolta da ghepardo, imbattibile in accelerazione. È questo uno dei tratti distintivi della mentalità vincente, non accontentarsi. Marcell ci scherza su: «Ringrazio chi mi sostiene e pure chi mi dà contro perché mi dà carica». Lo fa senza ombra di polemica, con il solito sorriso pacifico da bravo ragazzo che il look da scapestrato non riesce a mascherare, l’altro suo tratto distintivo: lo stesso che fa sì che quel doppio titolo olimpico non l’abbia deviato di un grado dal suo mondo; che lo tiene ad allenarsi in mezzo alla gente (il luogo della normalità) come quando non era nessuno, anche adesso che è quello che tutti vorrebbero essere: l’uomo più veloce del mondo a Olimpia e ora d’Europa. Un’accoppiata che, sui 100 metri, scomoda precedenti come quelli di Armin Hary e Valery Borzov. Se non è la storia dell’atletica che s’incarna, poco ci manca.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo