Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 17 aprile 2024
 
 

Matrimoni solidali e a km zero

15/03/2011  Il progetto “Fiori d’arancio” dedica ai bambini abbandonati il giorno delle nozze

Abito, fiori, bomboniere, ristorante, fotografie, viaggio di nozze: le spese che circondano il giorno del matrimonio sono tante, spesso eccessive. L’attenzione verso la sobrietà è quindi importante, come pure un occhio di riguardo per rendere questo evento un’occasione anche per sostenere progetti di solidarietà. Le iniziative non mancano e vedono coinvolti anche importanti brand: il progetto “Fiori d’arancio” (www.fiordarancio.org) è sostenuto da 13 aziende del settore che per tutto il 2011 devolveranno una percentuale degli acquisti fatti dagli sposi a sostegno dell’associazione “Amici dei bambini” per progetti dedicati all’infanzia in stato di abbandono.

“Amici dei Bambini” è un’organizzazione non governativa costituita da un movimento di famiglie adottive e affidatarie con l’obiettivo di promuovere e realizzare il diritto di ogni minore ad avere una famiglia: in Italia opera con nove sedi regionali ed è diffusa in 25 Paesi attraverso orfanotrofi e centri di assistenza. Le aziende coinvolte sono Acquachiara, Tearose, Officine del volo, Fortezza Viscontea, C&C catering e Gruppo Gagliardi, Kuoni, Pineider, Alessi, Estée Lauder e Smartbox.

Per chi è attento alla natura, invece, sono stati ideati i matrimoni a chilometri zero, come quelli organizzati da Paola Melle e Roberta Gollini, wedding planner  di Bologna. La scelta della location è rigorosamente vicina a casa per evitare lunghi spostamenti, i fiori sono di stagione e naturali, il pranzo è a base di prodotti locali. Anche l’apparecchiatura e le bomboniere sono attente all’ambiente, privilegiando materiali riciclati, magari fatti da cooperative sociali.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo