Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 aprile 2024
 
Il Teologo
 

I matrimoni in chiesa sono vietati di domenica?

28/04/2022  Come mai alcune diocesi vietano la celebrazione di matrimoni in domenica e altre no?

Mi chiedo come mai alcune diocesi vietano la celebrazione di matrimoni in domenica e altre no, pur portando un sacerdote esterno alla diocesi che celebri per gli sposi; è lecito questo divieto?

ANNALISA

Alcune diocesi già da anni si sono sentite costrette a evitare i matrimoni in domenica quando, invece, in linea di principio, proprio l’assemblea eucaristica domenicale sarebbe il luogo più giusto per sposarsi in Cristo e nella Chiesa. Questa situazione ideale, però, presuppone un’assemblea di fedeli cristianamente motivati, capaci di partecipazione attiva, interiore ed esteriore. Onestamente dobbiamo ammettere che, a prescindere dalla fede e dalla vita cristiana degli sposi, e di tanti altri presenti, nella maggioranza dei matrimoni l’aspetto mondano ha il sopravvento a scapito di quell’assemblea domenicale che oggi più che mai deve essere una forte esperienza di preghiera e una chiara testimonianza di fede cristiana. Quante volte, invece, buona parte dei presenti non è interessata al sacramento del matrimonio e tanto meno all’Eucaristia, ma soltanto alla “cerimonia” nuziale, creando involontariamente un ambiente che non è rispettoso né del rito né dei credenti. Non sempre è possibile concordare orari che non interferiscano con le normali celebrazioni parrocchiali. È triste, ma a situazioni anomale corrispondono soluzioni altrettanto anomale.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo