logo san paolo
mercoledì 08 dicembre 2021
 
dossier
 

Papa: nozze solo tra uomo e donna

19/01/2013  Il Papa all'udienza del Pontificio consiglio Cor unum ha parlato del matrimonio come fedele e feconda alleanza tra uomo e donna e ribadito il suo no alla filosofia "gender".

Benedetto XVI (Reuters).
Benedetto XVI (Reuters).

Un’appassionata difesa della famiglia e del rapporto uomo-donna. Benedetto XVI, ricevendo in udienza i partecipanti alla plenaria del Pontificio consiglio Cor unum, l'organismo vaticano che si occupa di carità, ha voluto ribadire che il «grande sì della Chiesa alla dignità e bellezza del matrimonio come espressione di fedele e feconda alleanza tra uomo e donna, e il no a filosofie come quella del gender».

Un no, ha spiegato il Papa «che si motiva per il fatto che la reciprocità tra maschile e femminile è espressione della bellezza della natura voluta dal Creatore. L’essere umano non è né individuo a sé stante né elemento anonimo nella collettività, bensì persona singolare e irripetibile, intrinsecamente ordinata alla relazione e alla socialità».

Ratzinger ha poi richiamato anche all’importanza di essere ancorati alla fede per non essere «vittime di tentazioni culturali che rendono l’uomo schiavo. Negli ultimi secoli, le ideologie che inneggiavano al culto della nazione, della razza, della classe sociale si sono rivelate vere e proprie idolatrie; e altrettanto si può dire del capitalismo selvaggio col suo culto del profitto, da cui sono conseguite crisi, disuguaglianze e miseria».

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo