logo san paolo
lunedì 06 dicembre 2021
 
Il "Day 1"
 

May ha firmato, da oggi il via a Brexit

29/03/2017  Partono le procedure per l'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea. I negoziati fra Londra e Bruxelles dureranno due anni. Intanto la Scozia e l'Irlanda del Nord chiedono di restare in Europa.

Ieri la prima ministra britannica Theresa May ha firmato l’atto che avvia Brexit, cioè l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea. May ha firmato la lettera che attiva l’articolo 50 del Trattato di Lisbona nella sua residenza di Downing Street, accanto alla bandiera britannica e davanti a un grande caminetto sovrastato da un ritratto di Sir Robert Walpole, il primo premier nella storia della Gran Bretagna. Oggi la lettera viene consegnata a mano al presidente del Consiglio Europeo, il polacco Donald Tusk, da Sir Tim Barrow, il barbuto rappresentante permanente del Regno Unito a Bruxelles.

Esultano i tifosi di Brexit, come i tabloid popolari, che titolano “LIbertà!” (il Daily Mail) e “Cara Europa, è tempo di andarcene” (Daily Mirror). Altri osservatori sono più cauti, com il Guardian, che titola: “La Gran Bretagna fa un salto nell’ignoto”.

Il percorso che porterà la Gran Bretagna fuori dall’Europa dopo una convivenza di 44 anni durerà almeno un biennio. Il prossimo 9 aprile i 27 stati membri dell’Unione europea si riuniranno per discutere l’uscita del Regno Unito, poi partiranno i negoziati fra Londra e Bruxelles. Per Londra negozierà David Davis, 67 anni, nominato ministro per Brexit. La sua controparte per l’Europa sarà il francese   Michel Barnier, 65 anni, ex commissario europeo. I negoziati dovranno portare a un accordo, ma anche in mancanza di un accordo la Gran Bretagna lascerà l’Unione Europea nell’aprile del 2019.

I temi su cui Londra e i 27 dovranno trovare un’intesa sono molti e spinosi: la protezione dei diritti dei cittadini europei in Gran Bretagna e dei britannici nella Ue, l’immigrazione, i rapporti commerciali. Per il Regno Unito Brexit non sarà a costo zero. L’uscita dall’Unione potrebbe costare  fino a 60 miliardi di euro, come compensazione per gli impegni già presi in sede comunitaria. Ma anche questo sarà un punto caldo della trattativa che si aprirà nelle prossime settimane.

Intanto la Scozia preme per indire un nuovo referendum con il quale chiedere la separazione dal resto della Gran Bretagna. La richiesta di indipendenza scozzese fu già bocciata in un referendum del 2014, ma dopo il referendum su Brexit del giugno 2016, la Scozia ribadisce la sua volontà di fare da sola.

Brexit è stata decisa da una maggioranza del 52 per cento dei votati, ma il 62 per cento degli scozzesi si è espresso per restare nell’Unione Europea. La prima ministra scozzese Nicola Sturgeon perciò vuole un nuovo referendum. Theresa May le ha risposto che i tempi non sono maturi, ma intanto il Parlamento di Edimburgo  ha approvato al richiesta di un nuovo referendum per l’indipendenza e anche l’Irlanda del Nord guarda con favore la permanenza in Europa. Per Londra, insomma, si stanno aprendo molti fronti: Bruxelles, Edimburgo, Belfast. La Great Britain rischia davvero di diventare Little Britain.

Multimedia
Le venti foto che hanno fatto l'Europa, immagini di un sogno stropicciato
Correlati
«Theresa May, ho due cose da dirti»: bimba di 5 anni striglia la premier inglese
Correlati
Le venti foto che hanno fatto l'Europa, immagini di un sogno stropicciato
Correlati
I vostri commenti
11

Stai visualizzando  dei 11 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo