logo san paolo
giovedì 30 giugno 2022
 
Profughi
 

Mediterraneo, un'altra strage "invisibile"

15/04/2015  Voci del naufragio di una carretta del mare con oltre 400 persone a bordo. Salvini. "La colpa è del Governo". Oltre diecimila naufraghi salvati in pochi giorni. Gli scafisti sparano per accelerare lo sbarco dei clandestini.

Oltre 1500 migranti tratti in salvo nella sola giornata di ieri in 12 diverse operazioni coordinate dal Centro Nazionale di Soccorso della Guardia Costiera a Roma. Che si aggiungono agli 8.480 salvati nei giorni scorsi. In tutto: diecimila persone soccorse. Non ci sono soltanto la Guardia Costiera e la Marina Militare dell’Operazione Triton a svolgere le operazioni di soccorso. Le stesse autorità militari sottolineano il “significativo” contributo prestato dal naviglio mercantile alle operazioni. La Norman Corona, ad esempio, una nave cargo che ha collaborato con la Guardia costiera a trarre in salvo 95 persone. Mentre nel Canale di Sicilia, teatro di nuove tragedie del mare (alcune voci parlano di una nave carretta inabissatasi con un carico di 400 vite umane) si lavora per il salvataggio di vite umane, a Roma si svolge il solito balletto di polemiche. Matteo Salvini, alla vigilia delle elezioni regionali, è scatenato. Il ledare della Lega Nord imputa al Governo lo sbarco di clandestini dalle coste libiche. “E’ un governo che aiuta gli scafisti, che finanza i terroristi e che ha migliaia di morti sulla coscienza. Basta, fermiamo le partenze, gli sbarchi". Come? “Andiamo in nord Africa ad identificare i veri profughi che hanno diritto all'accoglienza", ha spiegato.

Nel frattempo gli scafisti e i mercanti di uomini aprono il fuoco. Chi c'era a bordo del natante che, due giorni fa, ha sparato in aria mentre il rimorchiatore italiano Asso 21 stava soccorrendo un barcone carico di migranti? Secondo alcune foto di dettaglio che circolano nelle ultime ore, l'imbarcazione è a tutti gli effetti una motovedetta del tipo di quelle usate dalle forze armate o di polizia, di colore grigio, con tanto di lampeggiante. A bordo si vedono quattro uomini, tutti con la stessa cerata gialla. Uno imbraccia un fucile. Secondo quanto riferito dal'armatore di 'Asso 21', le persone a bordo della motovedetta hanno "sparato in aria e non al nostro equipaggio né ai migranti". E lo hanno fatto "per velocizzare l'operazione di sbarco: è come se avessero voluto dire ai migranti 'fate in fretta'".  

Multimedia
Nel motel della prima notte americana
Correlati
I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo