logo san paolo
domenica 27 settembre 2020
 
dossier
 

Medjugorje, il Papa nomina monsignor Hoser suo visitatore permanente

01/06/2018  L’anno scorso l’arcivescovo polacco aveva compiuto un’indagine pastorale per conto del Pontefice. Ora, dopo questa nomina, si trasferirà stabilmente in Bosnia e si occuperà di accompagnare i fedeli dal punto di vista pastorale ma senza entrare nei problemi relativi all’autenticità delle apparizioni

L’obiettivo di papa Francesco è chiaro: assicurare l’accompagnamento spirituale delle migliaia di fedeli che arrivano a Medjugorje da ogni parte del mondo. Per questo giovedì 31 maggio, il Pontefice ha nominato monsignor Henryk Hoser, arcivescovo emerito di Warszawa-Praga in Polonia, quale «visitatore apostolico a carattere speciale per la parrocchia di Medjugorje, a tempo indeterminato e ad nutum Sanctae Sedis», cioè a disposizione della Santa Sede.

«Si tratta - informa il comunicato della Sala Stampa vaticana - di un incarico esclusivamente pastorale, in continuità con la missione di inviato speciale della Santa Sede per la parrocchia di Medjugorje, affidata a monsignor Hoser l’11 febbraio 2017 e da lui conclusa nei mesi scorsi».

«La missione del visitatore apostolico - conclude il comunicato - ha la finalità di assicurare un accompagnamento stabile e continuo della comunità parrocchiale di Medjugorje e dei fedeli che vi si recano in pellegrinaggio, le cui esigenze richiedono una peculiare attenzione».

Il direttore della Sala Stampa vaticana Greg Burke ha sottolineato il «carattere pastorale, non dottrinale» della missione di Hoser e la decisione odierna dunque «non entra nelle questioni dottrinali» relative alla veridicità delle apparizioni mariane di Medjugorje. La nomina rappresenta dunque «non la conclusione» della vicenda Medjugorje, «ma il passo successivo» alla prima missione dello stesso Hoser. Il presule, inoltre, «avrà residenza a Medjugorje, per collaborare di più con il vescovo e i francescani locali».

Monsignor Hoser , sin dall’inizio, non aveva l’incarico di occuparsi della veridicità delle apparizioni in quanto tali ma della cura pastorale dei fedeli. La nomina voluta da Francesco come visitatore permanente dimostra che in passato, forse, questo aspetto è stato trascurato dalla diocesi di Mostar, il cui vescovo, monsignor Ratko Peric, da sempre, è un tenace avversario delle apparizioni che ha sempre bollato come fasulle.

La commissione Ruini: trasfromare la parrocchia di Medjugorje in santuario pontificio

Nel 2010, Benedetto XVI aveva affidato al cardinale Camillo Ruini la presidenza di una commissione ad hoc composta da cardinali, vescovi e teologi, incaricata di vagliare tutta la documentazione su Medjugorje. Oltre all’ex presidente della Cei, vi hanno fatto parte i cardinali Jozef Tomko, Vinko Puljić, Josip Bozanić, Julián Herranz, e Angelo Amato. Insieme a loro lo psicanalista Tony Anatrella, i teologi Pierangelo Sequeri, Franjo Topić, Mihály Szentmártoni e Nela Gašpar, il mariologo Salvatore Perrella, l’antropologo Achim Schütz, il canonista David Jaeger, il relatore delle cause dei santi Zdzisław Józef Kijas, lo psicologo Mijo Nikić e l’officiale della dottrina della fede Krzysztof Nykiel.

La commissione concluse il suo lavoro il 17 gennaio 2014 con un giudizio positivo sulla soprannaturalità del fenomeno per lo meno nelle prime settimane di apparizioni (tra il 24 giugno e il 3 luglio 1981), e la proposta di scorporare la parrocchia di Medjugorje, dedicata a san Giacomo Apostolo, dalla diocesi di Mostar trasformandola in un santuario alle dirette dipendenze della Santa Sede.

La commissione si è pronunciata anche a favore della fine del divieto di pellegrinaggi organizzati a Medjugorje e ha votato a maggioranza in favore della costituzione a Medjugorje di «un’autorità dipendente dalla Santa Sede» e per la trasformazione della parrocchia in santuario pontificio. Una decisione dettata da motivi pastorali - la cura dei milioni di pellegrini che arrivano, evitare che si formino «chiese parallele», chiarezza sulle questioni economiche - che non implicherebbe il riconoscimento della soprannaturalità delle apparizioni.

La posizione della Chiesa

  

Tutto il dossier ora è nelle mani del Papa il quale non ha preso ancora nessuna decisione sull’autorizzazione al culto. Al momento, resta valida la posizione ufficiale della Chiesa espressa nel 1991 con la dichiarazione di Zara, secondo la quale «non consta la soprannaturalità» delle apparizioni e il culto ufficiale resta sospeso.

Multimedia
Preghiere, lacrime, sorrisi: i mille volti di Medjugorje
Correlati
I vostri commenti
7
scrivi

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%