Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 aprile 2024
 
Chiedi al Teologo
 

Meglio una Messa senza canti e solo “letta”?

26/06/2017 

FEDERICO P. Un intervento in questa rubrica esprimeva una preferenza per la Messa senza canti. Anch’io ritengo che una Messa con letture e orazioni come una volta sarebbe più sobria e seria.

Senza dubbio il nostro lettore, come quello precedente, ha fatto qualche esperienza negativa dove, o per la strumentazione o per la tipologia e qualità dei canti, si esce dalla chiesa “storditi”. Non si tratta di ritornare alla cosiddetta “Messa letta” dal sacerdote di fronte a un’assemblea di muti spettatori, ciascuno immerso nelle proprie devozioni. Il canto non è un “arredo” superfluo della celebrazione liturgica, ma un elemento importante della preghiera comunitaria fin dall’era apostolica (cfr. Efesini 5,19). «Non c’è niente di più solenne e festoso nelle sacre celebrazioni di un’assemblea che, tutta, esprime con il canto la sua pietà e la sua fede» (Musica sacra 16). Sono tuttavia d’accordo: piuttosto che eseguire canti e musiche indecorose sia per la qualità che per l’esecuzione, è meglio il silenzio. L’abuso tuttavia non deve delegittimare l’uso.

I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo