logo san paolo
sabato 23 ottobre 2021
 
dossier
 

Montenegro e Menichelli, i due nuovi cardinali italiani

04/01/2015  Il Papa annuncia le prossime porpore. "Premiato", tra gli italiani, l'impegno di monsignor Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento e in prima fila nell'accoglienza ai migranti e di monsignor Edoardo Menichelli,arcivescovo di Ancona e da sempre a servizio di educazione, famiglia e dialogo ecumenico

Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento.
Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento.

Ha aspettato la prima domenica dell'anno per annunciare i nomi dei 20 prossimi cardinali. Papa Francesco, anche questa volta ha colto di sorpresa tutti elencando i 15 cardinali elettori e i 5 ultraottantenni che prenderanno la porpora il prosismo 14 febbraio. Tra gli italiani restano ancora senza la berretta rossa le diocesi di Torino e Venezia. Come è nel suo stile, papa Francesco ha voluto, invece, "premiare" due arcivescovi che si sono sempre contraddistinti per il loro grande impegno verso gli ultimi: Edoardo Menichelli, arcivescovo di Ancona-Osimo, e Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento.

Edorado Menichelli, arcivescovo di Ancona.
Edorado Menichelli, arcivescovo di Ancona.

Monsignor Edoardo Menichelli, che ha partecipato, proprio su nomina pontificia, all'ultimo Sinodo dei vescovi, è vicepresidente della Conferenza episcopale marchigiana, membro della Commissione episcopale per l'educaizone, la scuola e l'università e assistente ecclesiastico nazionale dell’Amci, Associazione medici cattolici italiani. Nato a Serripola di San Severino Marche, il 14 ottobre 1939, grande esperto di ecumenismo e dialogo, è stato segretario particolare del cardinale Achille Silvestrini quando questi era prefetto della Congregazione per le Chiese orientali.
Monsignor Francesco Montenegro, dal canto suo, nato a Messina il 22 maggio 1946, è presidente della Fondazione Migrantes dal 2013, dopo essere stato, fino al 2008, presidente della Caritas. Monsignor Montenegro, sia come presidente della Fondazione che come vescovo di Agrigento, è in prima fila nell'accoglienza ai profughi e ai migranti e ha accolto papa Francesco a Lampedusa durante la sua visita agli immigrati dopo la strage in mare del 2013. A monsignor Montenegro, come gli altri all'oscuro della notizia, sono subito arrivat gli auguri di don Francesco Soddu, direttore di Caritas italiana.

Gli altri cardinali elettori sono: monsignor Dominique Mamberti, nato a Marrakech, nell’arcidiocesi di Rabat (Marocco), il 7 marzo 1952. Mamberti è arcivescovo titolare di Sagona, prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, già segretario per i Rapporti con gli Stati, in pratica ex ministro degli Esteri vaticano.
Monsignor Manuel José Macário do Nascimento Clemente, nato a Torres Vedras, il 16 luglio 1948,dal 2013 patriarca di Lisbona e presidente della Conferenza episcopale protoghese
Monsignor Berhaneyesus Demerew Souraphiel, arcivescovo di Addis Abeba e presidente della Conferenza episcopale di Etiopa ed Eritrea, nato il 14 luglio 1948 a Tcheleleka, nel Vicariato Apostolico di Harar, nell’Etiopia centrale.
Monsignor John Atcherley Dew, arcivescovo di Wellington (Nuova Zelanda), nato il 5 maggio 1948 a Waipawa. Dal 1° aprile 2005 è anche Ordinario Militare per la Nuova Zelanda e dal 2012 è Presidente della Conferenza Episcopale di Nuova Zelanda.
Monsignor Pierre Nguyên Văn Nhon, arcivescovo di Hà Nôi (Viêt Nam), nato il 1° aprile938 a Ðà Lat in Viêt Nam, presidente della Conferenza Episcopale Vietnamita, fino al 2013.
Monsignor Alberto Suárez Inda, arcivescovo di Morelia (Messico), nato a Celaya il 30 gennaio 1939. 
Monsignor Charles Maung Bo, arcivescovo di Yangon (Myanmar),  nato a Mohla il 29 ottobre 1948, presidente della Conferenza Episcopale del Myanmar, dal 2000 al 2006.
Monsignor Francis Xavier Kriengsak Kovithavanij, arcivescovo di Bangkok (Thailandia), nato il 27 giugno 1949 a Ban Rak, vice presidente della Conferenza Episcopale della Thailandia, dal 2009.
Monsignor Daniel Fernando Sturla Berhouet, arcivescovo di Montevideo (Uruguay), nato il 4 luglio 1959 a Montevideo.
Monsignor Ricardo Blázquez Pérez, arcivescovo di Valladolid (Spagna), nato a Villanueva del Campillo (Avila), il 3 aprile 1942, presidente della Conferenza Episcopale Spagnola.
Monsignor José Luis Lacunza Maestrojuan, vescovo di David (Panamá), nato a Pamplona, in Spagna, il 24 febbraio 1944, è stato presidente della Conferenza Episcopale del Panama per due mandati (2000-2004 e 2007-2013).
Monsignor Arlindo Gomes Furtado, vescovo di Santiago de Cabo Verde (Arcipelago di Capo Verde), nato il 15 novembre 1949 a Santa Catarina. 
Monsignor Soane Patita Paini Mafi, vescovo di Tonga (Isole di Tonga), nato il 19 dicembre 1961, a Nuku’alofa, sull’isola di Tongatapu, presidente della Conferenza Episcopale dell’Oceano Pacifico, dal 2010.
I cinque ultraottantenni, invece, sono: monsignor José de Jesús Pimiento Rodríguez, arcivescovo emerito di Manizales,  nato a Zapatoca, il 18 febbraio 1919. Come padre Conciliare ha partecipato a tutte le sessioni del Concilio Vaticano II e ha preso parte alle Conferenze Generali dell’Episcopato Latinoamericano di Medellín (1968); Puebla (1979) e Santo Domingo (1992).
Monsignor Luigi De Magistris, arcivescovo titolare di Nova, pro-Penitenziere Maggiore emerito, nato a Cagliari il 23 febbraio 1926.
Monsignor Karl-Joseph Rauber, arcivescovo titolare di Giubalziana, nunzio apostolico, nato a Nürnberg, l’11 aprile 1934.
Monsignor Luis Héctor Villalba, arcivescovo emerito di Tucumán, nato a Buenos Aires l’11 ottobre 1934. 
Monsignor Júlio Duarte Langa, vescovo emerito di Xai-Xai, nato il 27 ottobre 1927 a Mangunze.

Multimedia
Papa Francesco e papa Benedetto insieme al Concistoro
Correlati
Card. Ravasi: La mia idea di cultura
Correlati
Papa Francesco e papa Benedetto insieme al Concistoro
Correlati
I vostri commenti
15
scrivi

Stai visualizzando  dei 15 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%