logo san paolo
venerdì 28 gennaio 2022
 
 

Meno preti? Scocca l'ora dei laici

25/06/2010  A Como terminato il convegno del Centro di Orientamento Pastorale.

«Non vi serve un sosia del prete o un sacrista. Ora tocca a voi papà e mamme, nonni e nonne, ragazzi e giovani tenere viva la vostra chiesa, per tenere viva la vostra fede. Non ci può più essere nessuna mamma o papà che non insegna ai suoi figli ad amare Dio e lodarlo con le preghiere, non ci deve essere più nessun malato che resta solo, senza il conforto della santa comunione, sarà vostra cura tenere viva la preghiera per tutti, aprire la chiesetta per trovarvi a lodare il Signore, a invocarlo su tutta la vostra piccola comunità e a supplicarlo che perdoni tutto il male che si fa nel mondo, a far risuonare nella vostra vita la sua Parola, ad ascoltarla per calarla nel vostro cuore. I vostri poveri, le vostre famiglie rimaste senza nessuno che lavora, devono poter contare ancora sulla vostra solidarietà, come facevate prima quando era il prete a chiedervelo. Avete risorse da vendere, perché siete battezzati, costituiti sacerdoti re e profeti».

Così, in una lettera aperta ai "Parrocchiani senza prete", suona uno dei passaggi fondamentali la lettera che conclude la 60^ Settimana del Centro di Orientamento Pastorale (COP), celebrata a Capiago dal 21 al 24 giugno scorsi. Il titolo del raduno, Nuove forme di comunità cristiana. Le relazioni pastorali tra clero, religiosi, laici e territorio, prende spunto da una ricerca curata dal COP stesso presso le diocesi italiane sulle nuove forme di comunità parrocchiali che da qualche anno caratterizzano una nuova forma di attività pastorale territoriale. E' un dato di fatto ormai che sempre più chiese si trovino senza sacerdote o aggregate ad altre per una pastorale condivisa. E non sempre è facile accettarlo. La Settimana ha fatto il punto sulla situazione attuale cercando di leggerla e interpretarla alla luce dei "segni dei tempi".

«La parrocchia non è un dato di rivelazione, ma una espressione significativa e autorevole, nonché lungamente praticata e profondamente radicata, della creatività pastorale della Chiesa. La difficoltà di oggi può insorgere in particolare dalla tentazione di gestire in termini meramente organizzativi, dettati da gravi carenze di risorse di ogni genere, il passaggio da un modello a un altro saltando quel necessario processo di maturazione che solo garantisce a una struttura socio-religiosa di essere effettivamente frutto e spazio di vita ecclesiale». Questo uno dei passaggi più densi di monsignor Mariano Crociata, segretario generale della Cei, nella sua relazione tenuta nell'ultimo giorno del convegno. Riconoscere allora «la peculiarità di questa stagione ecclesiale, ancora evolutivamente sospesa tra cattolicesimo popolare e processi di disaffezione e distanziamento dal cristianesimo e dalla Chiesa» resta uno dei punti di partenza per leggere la realtà ecclesiale attuale. In definitiva quindi «raccogliere la sfida del tempo presente significa non smettere di lavorare con il cattolicesimo di popolo senza per questo sottovalutare il processo di erosione che esso subisce».

La situazione attuale, secondo Monsignor Crociata, spinge la chiesa a «curare con maggiore attenzione la crescita e la maturazione di quanti nella comunità cristiana condividono responsabilità, dai ministri ordinati a coloro che svolgono le più svariate forme di collaborazione pastorale»; per questo sempre più oggi i laici sono chiamati «a svolgere un apostolato, partecipando all'apostolato gerarchico, da spendere non solo nelle parrocchie e nei movimenti, ma nell'impegno nei mondi della professione, della famiglia, della società... Il luogo dell'apostolato è infatti il mondo intero, poiché esso consiste nell'animazione delle realtà temporali».

Monsignor Domenico Sigalini, presidente del Cop e vescovo di Palestrina, concludendo i lavori ha invece sottolineato la priorità della «contemplazione dell'amore di Dio e la necessaria conversione della vita, invece della pianificazione delle attività; della risorsa umana, invece delle sole strutture; del guardarsi negli occhi, invece che guardare alle bacheche degli avvisi o in facebook; del progettare assieme dopo essersi confrontati, invece delle risposte privatistiche di sopravvivenza; della stima reciproca tra diversi carismi e ministeri, invece dell'antagonismo pastorale; della comunione dono da accogliere sempre da Dio, invece di tavoli di concertazione».

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo