logo san paolo
giovedì 07 luglio 2022
 
 

Morpheus fallisce, Curiosity fa festa

10/08/2012  Morpheus, il prototipo della Nasa destinato a esplorare la Luna ed eventuali asteroidi, si schianta a Cape Canaveral. Mentre su Marte il robot Curiosity continua a incantarci (VIDEO).

Mentre alla Nasa si brinda il successo strepitoso di Curiousity che sta mandando incredibili immagini a colori da 240 mila chilometri di distanza in un deserto di Marte, Morpheus, il prototipo destinato all’ esplorazione lunare ed eventuali asteroidi ha fallito la sua prima vera prova di lancio. Si è schiantato in fase di lancio andando in fiamme su una pista di Cape Canaveral a qualche centinaio di metri da quella che fino a qualche mese fa era il sito di lancio dello Shuttle.

Simile a un gigante insetto di metallo, Morpheus funziona ad ossigeno liquido e metano e pesa 794 chilogrammi. La Nasa finora ha investito nel programma 7 milioni di dollari e due anni e mezzo di lavoro di una cinquantina di ingegneri. Dei 7 milioni fanno parte anche i pezzi per la costruzione di un secondo prototipo che adesso diventa assolutamente necessaria e urgente. ‘La perdita di prototipi – ha spiegato la portavoce della Nasa Lisa Malone - e’ sempre in cantiere. Probilmente Morpheus ha fallito il lancio per una perdita di combustibe. Meno male che non ci sono stati feriti fra i tecnici. Per sapere però esattamente cosa è successo dobbiamo aspettare l’ esito dell’ inchiesta”. La Nasa sta mettendo a punto il progetto Morpheus in collaborazione con la Armadillo Airspace una compagnia privata specializzata in tecnologie per veicoli per voli suborbitali a decollo ed atterraggio verticale. Morpheus dovrebbe essere in grado di portare sulla luna o qualche asteroide al di fuori dell’orbita terrestre, veicoli, robot o materiale vario del peso di 500 chilogrammi.


E mentre i tecnici addetti al progetto Morpheus cercano dov’e’ l’errore che ha causato la perdita del prototipo, gli addetti a Curiousity continuano il tradizionale passaggio delle noccioline e brindano esterrefatti dalla bellezza delle immagini che arrivano da Marte. È infatti, consuetudine fra i tecnici della Nasa tenere a portata di mano dei sacchetti di arachidi tostate che vengono aperti per scaramanzia e portafortuna poco prima degli atterraggi. “Purche’ duri questa fase di successo – ha commentato il capo della missione Curiousity Mike Watkins - stiamo provando dal Jet Propulsory Laboratori di Pasadena tutti gli strumenti di bordo e faremo un upgrade del software per fare si che sia in grado di mandarci fotografie per i prossimi due anni”. Ecco una panoramica in video-motion del suolo di Marte realizzata con le prime fotografie inviate dal robot Curiosity:


Curiousity, lanciato in orbita il 26 novembre 2011, è costato alla Nasa 2,5 miliardi di dollari. Sinora, dal momento del suo atterraggio su Marte lo scorso 6 agosto, nel Cratere di Gale, ha mandato a terra 130 immagini da 144 per 144 pixels. La missione del rover per i prossimi due anni sarà di scovare eventuali tracce di vita fra i minerali generate in passato dalla presenza dell'acqua. Su Marte Curiousity ha portato una chip che contiene il Codice del Volo, il testo nel quale Leonardo descrive il volo degli uccelli e la sua Macchina volante, considerato il fondamento della storia del volo e l’ autoritratto di Leonardo da Vinci. L’ idea e’ stata lanciata dall’ Agenzia Spaziale Italiana e dalla trasmissione TGR "Leonardo" di Raitre che mesi fa aveva trasmesso la visita del direttore del Jet Propulsory Laboratory di Padadena Charles Elachi alla bibblioteca Reale di Torino dove sono conservati i preziosi manoscritti di Leonardo.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo