Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 luglio 2024
 
La posta del cuore
 

«Meringhe in dono a mio marito dalla vicina: una dolcezza sospetta...»

21/02/2018 

Licia, la mia vicina di casa, porta sempre le meringhe fatte da lei per mio marito: lo vizia da quando è stato operato… Anche ieri, mentre sono entrata dopo la spesa, lei era in piedi pronta ad andarsene. Ovviamente ho fatto il terzo grado a mio marito, ma lui ha risposto: «Che male c’è se mi piacciono le meringhe?». Certo che qualche sospetto mi è venuto.

CARLA

— Cara Carla, capiamo benissimo i tuoi sospetti, sta sicura; ma in risposta alla tua lettera vogliamo percorrere un’altra strada e cioè vogliamo parlarti di quel fenomeno umano che si chiama “ansia anticipatoria”. Tu sospetti che le meringhe della tua vicina siano un modo di fare la corte a tuo marito, e tu gli fai il «terzo grado»; in fondo in fondo vuoi che lui ammetta che non gli piacciono solo le meringhe ma anche la vicina di casa così premurosa, la quale – tanto per non tranquillizzarti – si fa trovare in casa tua quando tu rientri dalla spesa. E così tu allevi sospetti nella tua mente: sei sicura di non ottenere alla fin fine proprio ciò che temi? Più insisti sul potere delle meringhe e più piaceranno a tuo marito, il quale può essere perfino lusingato, se tu insinui che lui è un po’ troppo interessante per la vicina. A parole, nega i tuoi sospetti, ma coi fatti la guarderà con più interesse e lei sentendosi guardata con più interesse porterà più meringhe eccetera. I sospetti non portano mai buono, in amore! E allora, obietterai tu, lascio girare tutte queste meringhe per casa? Ebbene, no! Tu puoi fare tante, tante cose per togliere potere alle meringhe della vicina: ad esempio puoi dirle solidalmente: «Ma che buone! Imparerò anch’io a farle, dato che piacciono tanto a mio marito!». E magari la inviti a cucinarle insieme a te… Ci sono tanti modi per “prendere il toro per le corna”: trattala da amica e non da rivale, magari invitala a far la spesa con te (mi dici che lei non guida e che deve dipendere dal figlio), forse vuol sentirsi importante ai vostri occhi… Ma, soprattutto, cerca di guarire i tuoi sospetti con un di più di attenzione verso il “malato”, il quale scoprirà di non essere diventato interessante solo agli occhi della vicina. Forse è ora di dare nuove chance al vostro rapporto, di immaginare qualcosa di nuovo, di giocare un po’ e ridere assieme. Prova ad aggiornarti non tanto sulle visite della vicina, ma sui suoi desideri, su aspetti nuovi e antichi della vostra storia a due. E caccia via i sospetti che inquinano l’aria!

I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo