Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
 

Mezzogiorno, è l'ora del non profit

18/09/2012  I ministri Andrea Riccardi e Fabrizio Barca hanno presentato un doppio bando per promuovere l'occupazione e l'imprenditoria giovanile partendo da attività per il "sociale".

Non sono cifre grosse. Ma sono significative: 37,4 milioni di euro sono gocce in mezzo al mare di difficoltà che il mondo del non profit sta vivendo soprattutto al Sud ma Andrea Riccardi, ministro per la Cooperazione internazionale e l'integrazione, e Fabrizio Barca, ministro per la Coesione territoriale, hanno, se non altro, voluto dare un segnale con un duplice bando destinato al sociale (60% del totale) e alla valorizzazione dei beni pubblici (40%).

Partiamo dai destinatari, i giovani under 35, chiamati ad attuare i loro progetti in Calabria, Campania, Puglia e Sicilia: a loro il compito di tradurre in proposte concrete, sostenibili ed efficaci i bisogni emergenti delle realtà di provenienza dando vita ad attività imprenditoriali di enti non profit. L'azione "Giovani per il sociale" intende sostenere e incentivare iniziative che includano servizi collettivi attraverso l'inclusione sociale, la legalità, la formazione, l'istruzione, il dialogo tra identità culturali e religiose, la cittadinanza attiva e la solidarietà.

L'azione "Giovani per la valorizzazioni di beni pubblici" si pone invece l'obiettivo di recuperare beni e spazi con determinati requisiti culturali, ambientali e sociali per restituirli al territorio sotto forma di occupazione giovanile. Con un importo massimo di cofinanziamento pubblico per progetto di 200mila euro si conta di attivarne circa 180/200 facendo leva sull'appoggio e sulla creatività delle associazioni di promozione sociale, delle cooperativa sociali, delle organizzazioni di volontariato, delle onlus, delle ong, delle Fondazioni, degli Ento morali e degli Enti ecclesiastici. I giovani, come detto, saranno il vero filo conduttore dei bandi: l'importante è che siano i promotori dei progetti o che siano loro i primi fruitori. Per maggiori informazioni consultare il sito www.governo.it, per assistere alla conferenza stampa di presentazione del bando clicca qui.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo