Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
La storia di copertina
 

"Mi sono innamorato di una storia di bambini eroi e ho deciso di debuttare alla regia"

28/09/2023  Sul numero in edicola di Famiglia Cristiana Claudio Bisio ci racconta che cosa lo ha spinto per la prima volta a mettersi dietro la macchina da presa. Un film contro la guerra, "L'ultima volta che siamo stati bambini", che esce il 12 ottobre per ricordare gli 80 anni dalla razzia del ghetto ebraico di Roma

Ha scelto una storia con protagonisti dei bambini Claudio Bisio per debuttare alla regia di un film. «Fino a che non mi sono imbattuto nel libro L’ultima volta che siamo stati bambini di non ci avevo mai pensato», spiega l’attore a Famiglia Cristiana in una lunga intervista sul numero da oggi in edicola.  «Ho una casa di produzione, Solea, in società con mia moglie Sandra Bonzi, e sono sempre in cerca di storie.

Questo libro mi ha fulminato, e mi sono subito messo alla ricerca di un regista per produrlo. Ho incassato qualche no e allora i miei collaboratori mi hanno detto: perché non lo dirigi tu? Io, che ho sempre amato recitare e basta e non ho fatto neppure una regia teatrale, all’inizio ho nicchiato, poi mi sono deciso. E ora aspetto con ansia il verdetto del pubblico». Il film, nelle sale dal 12 ottobre, è ambientato a Roma nell’ottobre del 1944, quando avvenne la razzia del ghetto ebraico e furono rastrellati 1023 ebrei deportati nel campo di sterminio di  Auschwitz.. Soltanto 16 di loro sopravvissero. 

 

Il film è la storia di un gruppo di quattro bambini molto amici; quando uno di essi, Riccardo, ebreo, scompare,  e si scopre poi che è salito con i genitori in un treno diretto in Germania, gli altri tre decidono di scappare seguendo i binari della ferrovia per andarlo a salvare. Sulle loro tracce il fratello di uno di loro, un giovane soldato di fede fascista, e la suora di un orfanotrofio. 
L’ultima volta che siamo stati bambini, tratto dall’omonimo libro di Fabio Bartolomei (edizioni e/o) è una 
coproduzione Solea, Bartlebyfilm in associazione con Medusa film in collaborazione con Prime video distribuito da Medusa Film.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo