Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 luglio 2024
 
Quando lui non vede
 

«Mi trascurava per stare con la sorella, così ho iniziato a cucinare anche per lei...»

21/04/2022  «Sono stata per anni la vedova bianca di mio marito, che stava più con la sorella malata che con me. Mia cognata è sola e non vuole curarsi, così un giorno ho iniziato a cucinare anche per lei. Lei non mi ha mai ringraziato, ma mio marito è diventato un'altra persona...»

Sono sempre stata vedova bianca: lui più al piano di sotto da sua sorella che “ha bisogno” – come dice lui – ma che è una sfaticata, sempre piena di mali che non vuol curare. Ma un giorno mi sono stufata, ho pregato e mi sono detta: “Ma cosa mi costa fare un po’ di pasta in più anche per questa cognata?”. E ho cominciato a mandarle, attraverso mio marito, piccoli piatti pronti che cucinavo per noi e per i due nostri nipoti. Mia cognata non mi ha mai ringraziato, ma mio marito è diventato un altro: ora si accorge di me, anche sessualmente. Mi sembra un’altra vita, non sono più una vedova bianca. E sono perfino allegra. O no? AGNESE

— La tua è una lettera pasquale, cara Agnese! Lasciami gustare il tuo cambiamento che descrivi con quel tanto di allegria che prima non ti concedevi. Tu ci stai segnalando che fino a che aspettiamo che siano gli altri a cambiare, non succede mai niente. E tu hai passato anni da “vedova bianca”, piena di delusione e di rabbia: tuo marito sempre di sotto da sua sorella e tu, che venivi da un paese lontano, ti sentivi lasciata sola e messa in secondo piano.

Aggiungi una cognata che ai tuoi occhi era una donna impossibile: piena di mali (che non ti sembravano veri) che tenevano incollato il fratello. Non mi dici nulla di tua suocera ora defunta: chissà se aveva raccomandato la figlia al fratello sano. A te questa cognata sembrava soltanto una sanguisuga, incapace di rispettare il matrimonio di suo fratello. Ma un giorno decidi di... cambiare tu! In che modo? Andando a fare le tue rimostranze alla cognata impossibile? Andando a porle ben intenzionate condizioni? Nemmeno per sogno.

Fai qualcosa di assolutamente gratu

ito: prepari un piatto in più per la sorella di tuo marito; e lo fai con costanza, senza aspettarti nulla in cambio: tuo marito scende con il piatto pronto, ben preparato. Non sappiamo che cosa lui abbia pensato: ma quello che tu vedi è che – ti cito – «è diventato un altro»! Forse poteva dire: «Finalmente ti sei accorta di lei, ci voleva tanto?! Con tutti i suoi mali lei non riesce a prepararsi niente di caldo, potevi pensarci prima!». Niente di tutto questo: quando scende lo Spirito che “fa nuove tutte le cose”, tutto cambia, a patto che glielo permettiamo. Possiamo perfino essere stupiti delle novità a catena che si innestano, a partire da un gesto gratuito e senza attesa di ricambio. Ti auguro, cara Agnese, la capacità di rimanere a questo livello alto, a favore del vostro matrimonio!

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo