Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 23 giugno 2024
 
 

Migrantes: è ora di una nuova legge

26/03/2014  Per il direttore mons. Giancarlo Perego la Bossi-Fini è superata e le quote non bastano più: «650 mila bambini di serie B chiedono di essere italiani»

Lo dice con una battuta: «Volevamo lavoratori e sono arrivate famiglie». Monsignor Giancarlo Perego è il direttore di Migrantes. Spiega: «Il meccanismo dei ricongiungimenti ha cambiato le cose. Siamo di fronte a una maggiore facilità di integrazione perché le famiglie sono più orientate all’inserimento sociale».
I dati cosa dicono?
«Che i ricongiungimenti hanno superatoil numero dei permessi di soggiornoper lavoro, cioè gli arrivi dei singoli. Si può dire che l’immigrazione inItalia sta passando da temporanea a definitiva. Poi c’è il dato del 20 per cento dei nati in Italia, figli di immigrati».
E la politica che fa?
«Ignora il fenomeno. E continua adiscutere sulle quote di immigrati da fare entrare con il permesso di lavoro, invece di investire sull’integrazione visto che la famiglia immigrata è già qui».
Quindi ha sbagliato Renzi ad abolire il ministero dell’Integrazione?
«Aspettiamo di vedere le politiche diRenzi, che per ora di immigrazione ha parlato poco e in modo generico. Monti e Letta avevano capito dove stava la sfida: cooperazione e integrazione. Certamente si tratta di cose complesse per le quali occorrono anche risorse, quelleche il ministro Kyenge non ha avuto. Eppure la presenza di un ministro dell’Integrazione nel Governo è stata uno stimolo per ragionare su una parola chiave del problema, cioè cittadinanza».
La soluzione è lo ius soli?
«Bisogna uscire dalla contrapposizioneideologica tra ius sanguinis e ius soli. È meglio ragionare su una nuova normativa sulla cittadinanza, che permetta a 650 mila bambini nati in Italia di non essere cittadini di serie B. In Parlamento ci sono 24 proposte di legge, ma nessuno che discuta alcunché...».
È ora di cambiare la Bossi-Fini?
«Sì. Crea 100 mila irregolari ogni anno,discrimina e non favorisce l’integrazione.Inoltre non agevola l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Andrebbe riformata prima del semestre europeo a presidenza italiana».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo