logo san paolo
sabato 11 luglio 2020
 
dossier
 

«Nessuna invasione, il problema è l'Europa dei muri»

02/10/2016  Dal 1° gennaio al 29 settembre 2016 sono arrivati in Italia 132 mila tra rifugiati e profughi. Nello stesso periodo del 2015 furono 131.800. A 3 anni dalla strage di Lampedusa (3 ottobre 2013; 366 morti accertati), parla Domenico Manzione, sottosegretario all'Interno con deleghe all'immigrazione e ai diritti civili.

Migranti salvati nel Mediterraneo e trasportati in Sicilia. Foto Ansa.
Migranti salvati nel Mediterraneo e trasportati in Sicilia. Foto Ansa.

Al primo gennaio 2016 risultavano regolarmente presenti in Italia 3.931.133 cittadini non comunitari; un numero stabile rispetto ai dodici mesi precedenti. È quanto emerge da un rapporto Istat basato su dati del Viminale e pubblicato il 29 settembre. I Paesi più rappresentati sono il Marocco (510.450), l’Albania (482.959), la Cina (333.986), l’Ucraina (240.141) e l’India (169.394). Il numero di nuovi permessi di soggiorno concessi diminuisce: durante il 2015 ne sono stati rilasciati 238.936, il 3,9% in meno rispetto al 2014.

«Continua invece a ritmi sostenuti la crescita dei permessi per asilo e protezione umanitaria (+19.398 ingressi, pari a +40,5%)», afferma Domenico Manzione, 61 anni, sottosegretario all’Interno con deleghe all’immigrazione e alle libertà civili: «Il maggior numero delle persone in cerca di protezione internazionale arriva da Nigeria, Pakistan e Gambia che insieme coprono il 43,8% dei flussi in ingresso». 

Domenico Manzione, sottosegretario all'Interno con deleghe all'immigrazione e ai diritti civili. Foto Ansa.
Domenico Manzione, sottosegretario all'Interno con deleghe all'immigrazione e ai diritti civili. Foto Ansa.

 A tre anni esatti dalla strage di Lampedusa (3 ottobre 2013; 366 morti accertati) Manzione constata che l'attenzione è aumentata: «Il nostro Parlamento ha deciso che il 3 ottobre di ogni anno venga celebrata la"Giornata nazionale in memoria delle vittime dell'immigrazione"; in seguito a quella tragedia sono state promosse le operazioni Mare Nostrum e poi, a livello europeo, Frontex, che in mare aperto hanno salvato tante vite; l'Organizzazione delle Nazioni Unite è giunta a promuovere un meeting planetario dedicato al problema».

Purtroppo, sostiene Manzione, le belle parole e i buoni sentimenti  non hanno fin qui generato concrete politiche all'altezza dell'emergenza. Grecia, Italia e Spagna sono state e sono ancora tanto sole. «In ogni caso», conclude Domenico Manzione, non possiamo parlare di invasione. Dal primo gennaio al 29 settembre di quest’anno sono arrivati 132.000 migranti; nello stesso periodo del 2015 furono 131.800. I problemi sono la loro ridistribuzione in Europa, pressoché inesistente: negli ultimi dodici mesi, tra quelle accolte in Italia e quelle accolte in Grecia, ha interessato appena 3.500 persone. Il problema è l'Europa, quella che tira su muri, quella che non vuole rifugiati a casa sua nè vuole mettere mano al portafoglio per aiutare i Paesi che li ospitano (l'Ue sta studiando un contributo obbligatorio di .... euro a migrante».  

I vostri commenti
26
scrivi

Stai visualizzando  dei 26 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%