Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 aprile 2024
 
 

Migranti: al bando le ideologie

03/03/2014  Il tema dell'integrazione investe necessariamente tutta la società italiana: uno studio sulla percezione nel Nord-Est

«Un quarto degli stranieri regolarmente residenti (23,4%) ha meno di 18 anni (gli italiani sono il 17,7%). Il loro futuro è qui. E anche loro sono il nostro futuro». Commenta così il professor Daniele Marini i risultati dell'ultima indagine LaST, il Laboratorio sulla Società e il Territorio, promosso da Community Media Reserach e Questlab, di cui egli è direttore scientifico. La rilevazione ha analizzato gli orientamenti della popolazione - e in particolare dei nordestini - nei confronti dei migranti. L'indagine si è svolta su un campione rappresentativo della popolazione nazionale (900 casi), con più di 18 anni, utilizzando come metodo la posta elettronica e i principali social network. Per più di 9 nordestini su 10 (93,1%) è giusto che i migranti in regola votino alle elezioni del proprio comune, il 74,3% ritiene opportuno che si esprimano anche alle elezioni parlamentari.

Ancora controverso risulta, invece, il tema dell'attribuzione della cittadinanza, dove prevalgono i sostenitori di un diritto condizionato (secondo il 45,6% del panel totale, e il 54,9% degli abitanti del Triveneto), e quindi assegnato su esplicita richiesta dell'interessato e in base ad alcune condizioni, quali la regolarità di residenza da alcuni anni, e la conoscenza della storia e della lingua italiana. Ad appoggiare questa opzione sono prevalentemente le fasce di età centrali della popolazione (25-34enni: 53,6%), le persone attive sul lavoro (imprenditori: 64,1%; operai: 56,6%; disoccupati: 55,0%), i residenti nel Nord Est (54,9%), i diplomati-laureati (53,2%), ma anche chi è avverso (56,5%) e ambivalente (67,2%) nei confronti dei migranti. Una quota leggermente inferiore (il 42,1% degli interpellati e il 36,8% dei nordestini) è, invece, sostenitore dello ius soli, ovvero la cittadinanza italiana va attribuita a tutti quanti sono nati nel nostro Paese, indipendentemente dalla cittadinanza dei genitori. Fra queste due posizioni, si colloca, in misura marginale, quella della cittadinanza secondo lo ius sanguinis (il 12,3% della popolazione e l'8,3% dei residenti nel Nord Est), a tutti i nati in Italia, purché i loro genitori siano già in possesso di quella italiana.

«Il tema migratorio è complesso e difficile e i processi di integrazione fra culture e stili di vista diversi sono di per sé problematici - riprende Marini -. Tuttavia, non possiamo continuare a ignorare un tema che si sta sempre più ben delineando. L'interazione/integrazione va definita e gestita in modo pragmatico, non ideologico, stabilendo regole condivise e guardando a come siamo oggi e, ancor di più al domani, in modo consapevole». Tornando alla ricerca, si nota che la percezione positiva del ruolo dei migranti nelle nostre comunità è molto diffusa: quasi tre interpellati su quattro (72,4% dei nordestini, in linea con la quota nazionale del 72,7%) ritengono che la presenza dei migranti generi apertura culturale, e l'81,4% della popolazione nel Triveneto e il 72,5% della popolazione nazionale, li considera una risorsa per il nostro sistema produttivo. Sul fronte dell'ordine pubblico e della sicurezza - e questo è un dato interessante - si assottiglia la differenza fra italiani e stranieri: per ben quattro intervistati su cinque (82,4% a livello nazionale e 85,5% nel Nord Est), la propensione a delinquere appartiene indifferentemente agli uni e agli altri. Tuttavia, il 19,6% in Italia e il 43,2% degli abitanti del Nord Est, li considera una minaccia per la sicurezza, più che per l'occupazione (21,4%). Chi dimostra più preoccupazione in merito al problema lavoro sono le fasce più deboli sul mercato. Ancora, il 20,1% in Italia e il 21,4% degli abitanti del Nord Est percepiscono i migranti come un pericolo per le tradizioni locali.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo