Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 12 giugno 2024
 
ANGELUS
 

Migranti, il Papa: «Agire con decisione e prontezza per evitare i naufragi»

22/07/2018  Davanti a 25 mila fedeli, Francesco ha espresso «dolore» e «preghiera» per le tragedie nel Mediterraneo, di fronte alle coste libiche e a nord di Cipro. Bergoglio ha chiesto alla «comunità internazionale» di intervenire per «evitare che simili tragedie abbiano a ripetersi e per garantire la sicurezza, il rispetto dei diritti e la dignità di tutti».

Addolorato per le ultime notizie sulle morti in mare, papa Francesco ha lanciato all'Angelus di oggi «un accorato appello affinché la comunità internazionale agisca con decisione e prontezza onde evitare che simili tragedie si ripetano». Davanti a circa 25 mila fedeli giunti in Piazza San Pietro, Jorge Mario Bergoglio ha chiesto alle istituzioni di «garantire la sicurezza, il rispetto dei diritti e la dignità di tutti».

«Sono giunte in queste ultime settimane» notizie di «naufragi di barconi carichi di migranti nelle acque del Mediterraneo», aveva detto poco prima il Pontefice: «esprimo il mio dolore di fronte a queste tragedie». Il Papa ha assicurtao per le vittime il suo ricordo e le sue preghiere.

In precedenza, papa Francesco si era soffermato a commentare il Vangelo di oggi (sedicesima domenica per annum, B, Marco 6,30-34), quando Gesù tenta inutilmente di portare i suoi apostoli a riposare “un po’”, ma vengono raggiunti dalla folla e Gesù di mette a “insegnare loro molte cose”. «Lo stesso – ha detto Francesco, nella sintesi diffusa dall'agenzia Asianews - può accadere anche oggi. A volte non riusciamo a realizzare i nostri progetti, perché sopraggiunge un imprevisto urgente che scombina i nostri programmi e richiede flessibilità e disponibilità alle necessità degli altri».

Il pontefice si è poi soffermato su tre verbi presenti nel brando del vangelo: vedere, avere compassione, insegnare, che lui ha definito “i verbi del Pastore”. «Lo sguardo di Gesù – ha continuato - non è uno sguardo neutro o, peggio, freddo e distaccato, perché Gesù guarda sempre con gli occhi del cuore. E il suo cuore è così tenero e pieno di compassione, che sa cogliere i bisogni anche più nascosti delle persone. Inoltre, la sua compassione non indica semplicemente una reazione emotiva di fronte ad una situazione di disagio della gente, ma è molto di più: è l’attitudine e la predisposizione di Dio verso l’uomo e la sua storia. Gesù appare come la realizzazione della sollecitudine e della premura di Dio per il suo popolo».

«Dato che Gesù si è commosso nel vedere tutta quella gente bisognosa di guida e di aiuto, ci aspetteremmo che Egli si mettesse ora ad operare qualche miracolo. Invece, si mise a insegnare loro molte cose. Ecco il primo pane che il Messia offre alla folla affamata e smarrita: il pane della Parola. Tutti noi abbiamo bisogno della parola di verità, che ci guidi e illumini il cammino. Senza la verità, che è Cristo stesso, non è possibile trovare il giusto orientamento della vita. Quando ci si allontana da Gesù e dal suo amore, ci si perde e l’esistenza si trasforma in delusione e insoddisfazione. Con Gesù al fianco si può procedere con sicurezza, si possono superare le prove, si progredisce nell’amore verso Dio e verso il prossimo. Gesù si è fatto dono per gli altri, divenendo così modello di amore e di servizio per ciascuno di noi».

 

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo