logo san paolo
sabato 21 maggio 2022
 
 

Milano, stasera veglia in S. Ambrogio

26/04/2012  Il cardinal Scola presiederà una veglia di preghiera per il lavoro. Lo scopo è anche quello di sensibilizzare i fedeli al sostegno del Fondo Famiglia Lavoro, voluto dal card. Tettamanzi

«I cambiamenti in atto nel mondo del lavoro, dell’impresa e della finanza esigono un ripensamento del significato del lavoro stesso e dello sviluppo e un’attenzione reale ai loro protagonisti. Dalla crisi si esce solo insieme, ristabilendo la fiducia vicendevole. E questo perché un approccio individualistico non rende ragione dell’esperienza umana nella sua totalità. Il lavoro, nel suo senso profondo, dice l’interagire della persona con le cose, con gli altri, con il grande mistero di Dio. Il lavoro deve essere difeso con opportune politiche che favoriscano la libera intrapresa: obiettivo primario di queste politiche sia la rivalutazione della responsabilità personale dei lavoratori e degli imprenditori, la creazione di nuovi servizi che favoriscano la crescita professionale e affianchino un sostegno economico, la valorizzazione e la creazione di spazi di partecipazione». Così si esprimeva il cardinale Angelo Scola riguardo al lavoro, uno dei focus principali del prossimo Family 2012.

Giovedì 26 aprile 2012, alle ore 20,45, presso la Basilica di S. Ambrogio vi sarà una Veglia di preghiera dal tema “Dalla crisi si esce insieme”, presieduta proprio dall’Arcivescovo di Milano per pregare per le attuali difficoltà, che il mondo del lavoro incontra in questi mesi di grave crisi economica. L’occasione prossima è quella della Festa del Lavoro del 1° maggio prossimo. Alla Veglia, a cui sono invitati i rappresentanti di tutte le parrocchie della Diocesi ambrosiana, l’Arcivescovo lancerà anche la cosiddetta “fase 2” del Fondo Famiglia Lavoro, l’iniziativa voluta dal cardinal Dionigi Tettamanzi ormai quattro anni fa per sostenere le famiglie in difficoltà. L’intenzione è quella di integrare la logica erogativa che ha caratterizzato finora la sua attività: «Sono necessari nuovi servizi che favoriscano, soprattutto per i giovani, la crescita professionale abbinando, a percorsi di formazione e riqualificazione, un sostegno economico». Questa la logica che intende ora implementare l’arcivescovo.

Il Fondo ha raccolto finora ben 14 milioni di euro e aiutato economicamente oltre 7mila famiglie. Nel territorio della Diocesi di Milano l’azione del Fondo ha portato alla nascita di 104 “distretti del Fondo”, luoghi dove oltre 600 volontari hanno incontrato oltre 10 mila famiglie. Il resoconto dell’azione del Fondo fino ad ora sul sito fondofamiglialavoro.In particolare vi saranno quattro nuove tipologie d’intervento a favore di chi ha perso il lavoro:

  1. Percorsi di orientamento, formazione, riqualificazione professionale con la copertura dei costi dei corsi di formazione e la concessione di un sostegno economico nel tempo della formazione;
  2. interventi di microcredito finalizzati al sostegno economico della famiglia in difficoltà oppure per consentire di avviare attività di micro impresa;
  3. erogazione di contributi economici a fondo perduto tendenzialmente residuali rispetto alle altre due opzioni qui delineate;
  4. avvio di una società mutualistica per le famiglie e le persone in difficoltà. La dotazione iniziale per sostenere questi progetti è di 1 milione di euro.

Si può sostenere il Fondo Famiglia Lavoro mediante conto corrente bancario intestato a:

Arcidiocesi di Milano presso l’Agenzia 1 di Milano del Credito Artigiano
Iban IT 03Z0351201602000000002405  causale “Fondo Famiglia-Lavoro”


oppure

mediante conto corrente postale n 312272
intestato a: Arcidiocesi di Milano causale “Fondo Famiglia-Lavoro”

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo