Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 26 maggio 2024
 
Adozione o età complicata?
 

«Mio figlio adottato appena diventato maggiorenne è diventato irriconoscibile»

22/01/2024  «Ho un figlio adottato di diciotto anni. E non lo sopporto più: fa quello che vuole. Eppure da piccolo era così carino, servizievole, tenero...» Leggi la risposta Mariateresa Zattoni

Ho un figlio adottato di diciotto anni. E non lo sopporto più: fa quello che vuole, non è mai puntuale ai rientri, ripete un professionale e dice che la scuola non serve a niente. Era così carino, servizievole, tenero... Ma che cosa è successo?

MAMMA LUIGIA

 

Risposta di Mariateresa Zattoni

– È successo, cara mamma adottiva, che è scoppiata l’adolescenza! «Ho in casa un figlio che non conosco», mi diceva una madre, e io non trovo una defi nizione migliore di adolescenza! Ma qui ne va il rapporto con te: a proposito, hai anche un marito, pure lui adottivo dello stesso figlio? E perché non lo nomini? Lasciami indovinare: perché lui, suo padre, gliele dà tutte vinte? Ebbene, cara Luigia, questo figlio vi sta facendo un gran regalo: sta svegliando la coppia genitoriale.

È a dire: restate uniti, concedetevi le vostre diversità, vostro fi glio ha bisogno di tutti e due! Ora, però, permettiamoci di sostare un poco nei panni di tuo figlio: lo tsunami dell’adolescenza per lui ha comportato lo svegliarsi di certe domande prima silenziate. “Perché proprio io non ho i “miei” genitori?”; “perché non li conosco?”; «perché sono stato “buttato via”?; “e dovrei anche ringraziare questi due che mi sono venuti a prendere in istituto, già bell’e fatto a sei anni?”; “ma perché mi sono venuti a prendere?”.

Domande cruciali, devastanti,e l’ex bravo bambino sembra diventato irriconoscibile. Provate a dirgli, insieme, proprio ora che mostra la propria disperazione: «Non ti cambieremmo con nessuno al mondo!». E lasciate che non arrivino risposte immediate.

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo