Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 aprile 2024
 
Educazione
 

«Mio figlio, che tra crisi di rabbia e continue scuse, piuttosto che lo psicologo "si fa murare vivo"»

27/11/2023  «io figlio di 13 anni ha spesso crisi di rabbia esplosive. A scuola sembra che tutto vada bene ma a casa le cose sono ben diverse.» Leggi la risposta di Alberto Pellai medico, psicoterapeuta, 4 figli

Mio figlio di 13 anni ha spesso crisi di rabbia esplosive. A scuola sembra che tutto vada bene ma a casa le cose sono ben diverse. È eternamente arrabbiato con noi genitori, spesso in conflitto e risponde male.

Difficile fare interventi in cui dare regole perché alza la voce e arriva anche a minacciarci. A volte accade che si mette a piangere e chiede scusa, dicendo che gli spiace essere così, che ci vuole bene ma che ha dentro qualcosa che fatica a tenere sotto controllo.

Gli abbiamo proposto di rivolgersi ad uno psicologo ma lui ha affermato che piuttosto si farà “murare vivo” nella sua stanza (cito testualmente). Chiaramente io e suo padre siamo disorientati. Cosa si fa in questi casi?

BARBARA

 

Risposta di Alberto Pellai

– Cara Barbara, siete nel pieno dell’età dello tsunami, che è il termine con cui io e Barbara Tamborini abbiamo definito la preadolescenza in un fortunato omonimo saggio per genitori, che ti consiglio di leggere (De Agostini ed.).

In effetti, sbalzi d’umore, crisi esplosive e sregolazione emotiva sono aspetti tipici di questa fase della crescita. Questo non comporta però che un figlio non debba imparare a darsi limiti e a esprimere il suo disagio e la sua rabbia in modo diversi da ciò che fa il vostro ragazzo. Avete fatto bene a consigliare un supporto psicologico. Come avete constatato, però, ai ragazzi risulta difficile – molto più che alle ragazze – affidarsi a uno psicologo per affrontare le proprie difficoltà.

Spesso i maschi crescono aderendo al modello del “vero uomo”, un modello in cui il vissuto emotivo viene molte volte negato o invalidato e la richiesta di aiuto è vissuta come una vulnerabilità individuale e non come una risorsa per affrontare una sfida evolutiva o di vita. Questo rischia di lasciare spesso i maschi in una condizione di analfabetismo emotivo che può causare loro grandi problemi anche nell’adultità.

Di fronte a una sfida così complessa, direi anche a voi genitori di non rimanere soli e in balia degli eventi. Potrebbe esservi utile rivolgervi a un consultorio familiare del vostro territorio, spiegare cosa sta succedendo in casa vostra e farvi supportare rispetto a ruolo e funzioni genitoriali. Un’alternativa potrebbe essere interpellare un terapeuta di indirizzo sistemico-familiare che vi prenderà in carico come nucleo familiare.

Il ragazzo, così, parteciperà a sessioni non rivolte a lui, ma a tutti voi insieme. Leggi e fagli leggere La tua stella polare di E. Castiglioni (Il castoro), un libro di auto-aiuto per giovanissimi che, tramite la mindfulness, aiuta a far conquistare maggiore consapevolezza e autoregolazione.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo