Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 aprile 2024
 
"Mamma perché sei sempre arrabbiata"
 

«Mio figlio chiede: "Mamma perché sei sempre arrabbiata?" Non sono arrabbiata, sono stressata! Ma che gli dico?»

19/12/2023  «“Ma perché mamma sei sempre così arrabbiata?”. La domanda del mio bambino, arrivata a bruciapelo l’altra mattina, mentre avevamo in corso il solito tiro alla fune per non arrivare a scuola in ritardo, mi ha davvero spiazzata» Leggi la risposta di Alberto Pellai

“Ma perché mamma sei sempre così arrabbiata?”. La domanda del mio bambino, arrivata a bruciapelo l’altra mattina, mentre avevamo in corso il solito tiro alla fune per non arrivare a scuola in ritardo, mi ha davvero spiazzata. Ci ho pensato su: non è vero che sono sempre arrabbiata.

È vero, invece, che sono sempre stressata. Ovvero di corsa, frenetica, multitasking. Cerco di fare otto cose per volta perché conciliare famiglia e lavoro mi sembra una missione quasi impossibile.

Eppure non voglio rinunciarvi. E così, alla fine, chi ci va di mezzo è sempre il bambino, che viene letteralmente tirato di qua e di là, come un pacco postale. Lo amo sopra ogni cosa, eppure alla fine quello che gli passo è un’emozione di rabbia e non di affetto. insomma, partendo dalla domanda del mio bambino “perché sei sempre arrabbiata?”, so che vorrei cambiare e fare tutto diversamente.

però mi sembra facile a dirsi e impossibile a farsi. Lei ha qualche consiglio?

Marina

 

La rispsta di Alberto Pellai

— Cara Marina, la tua lettera mi ha davvero toccato il cuore. La domanda del tuo bambino ti ha spiazzata, ma non è una domanda che mette in discussione il tuo volergli bene. Lui quello lo vede, lo sente, lo sperimenta. E traspare in ogni parola del tuo messaggio. Ciò che mette in discussione è la frenesia che tu stessa racconti. Proprio in queste settimane ho letto il libro di padre Maurizio Botta, Il ritmo della lumaca.

Sul vivere lenti e felici (Piemme). È affascinante perché ci mostra un modo di stare al mondo in cui al centro della vita non c’è la frenesia, ma la calma. Fornisce cinque percorsi per riuscirci: lentezza, silenzio, tolleranza alla noia, accettazione dell’errore, canto. Sembrano percorsi impossibili per noi genitori perché tenere insieme tutti i pezzi della nostra vita, quando ci dobbiamo occupare di molte cose tutte insieme, è davvero un’impresa.

Però, leggendo tra le pagine, ho compreso che la calma è prima di tutto una scelta del cuore. Che poi diventa scelta di vita. Saper rallentare il ritmo significa fare un uso del tempo significativo e non intensivo. Ovvero, non riempirlo fino a non avere nemmeno un secondo libero, bensì dilatarlo scegliendo quelle esperienze che riempiono di senso e significato la nostra vita.

Il tuo bambino, probabilmente, non voleva mettere al centro delle sue parole la tua rabbia bensì il suo bisogno di coccole e lentezza, al momento del mattino. Il risveglio, da noi genitori, viene spesso trasformato in una corsa a ostacoli. Svegliamo i bambini all’ultimo momento e poi si corre senza sosta per non fare ritardo.

Forse conviene cambiare tattica: ovvero andare a letto prima la sera, svegliarsi con calma al mattino per dedicarsi un tempo di relazione fatto di coccole, lentezza e sorrisi. Detta così, sembra una missione impossibile. Ma tu prova a sperimentarla. E coinvolgi anche il papà. Poi scrivici e facci sapere come è andata.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo