logo san paolo
giovedì 27 gennaio 2022
 
Letteratura
 

Modiano, cosa leggere del Nobel

09/10/2014  Il Nobel per la letteratura è stato assegnato allo scrittore e sceneggiatore francese Patrick Modiano, 69 anni, «per l'arte della memoria con la quale ha evocato i destini umani più inafferrabili e svelato la vita reale durante l'Occupazione» nazista. Ecco le opere tradotte in italiano.

Il Nobel per la Letteratura 2014 è stato assegnato allo scrittore e sceneggiatore francese Patrick Modiano, 69 anni, «per l'arte della memoria con la quale ha evocato i destini umani più inafferrabili e svelato la vita reale durante l'Occupazione» nazista, come spiega la motivazione dell'Accademia Reale Svedese.

Autore di romanzi per lo più ambientati nella Parigi occupata dai nazisti, Modiano ha avuto come insegnante Raymond Queneau che è stato una figura fondamentale per la sua formazione. Figlio di un ebreo francese di origini italiane e di un'attrice belga, nei suoi testi indaga i temi della memoria, dell'identità e della colpa.

Ecco una guida a una selezione dei suoi libri tradotti in italiano, partendo dal più recente.

Caterina Certezza (Donzelli) è stato pubblicato da poco in Italia ed è un libro per ragazzi: è la storia di una bambina che scopre la possibilità di vedere il mondo da due punti di vista diversi, con o senza gli occhiali.

L'orizzonte, pubblicato in Italia da Einaudi nel 2012, narra la vicenda di un uomo, divenuto scrittore, che decide di rintracciare una donna misteriosa che aveva conosciuto e amato quarant'anni prima, ciascuno perseguitato dal passato e dai suoi miseri...

Dello stesso anno è Fiori di rovina (Lantana), indagine sulla morte misteriosa di una giovane coppia nella Parigi del 1933.

Protagonisti di Riduzione di pena (Lantana) sono due fratelli, affidati dai genitori, lontani per lavoro, a una famiglia enigmatica.

Dora Bruder (Guanda) del 2011 ci porta al 31 dicembre 1941: si cercano notizie di una ragazza di quindici anni, Dora Bruder. A denunciarne la scomparsa sono i genitori, ebrei emigrati da tempo in Francia. Quasi cinquant'anni dopo, per caso, Patrick Modiano si imbatte in quelle poche righe di giornale, in quella richiesta d'aiuto rimasta sospesa. Non sa niente di Dora, ma è ugualmente spinto sulle sue tracce e cerca di ricostruirne la vita, i motivi che l'hanno spinta a scappare. Ha vinto il Premio Bottari Lattes Grinzane nel 2012

Nel caffè della giovinezza perduta (Einaudi, 2010) assistiamo a quattro narrazioni diverse su un'unica, affascinante e misteriosa donna, fulcro di un locale nel quartiere latino di Parigi.

In Pedegree (Einaudi, 2006) il tema, centrale per Modiano, della memoria è assoluto protagonista, mescolando tratti autobiografici (la storia delle sua famiglia ebrea) e una ricerca di volti del passato.

Nel 1978 ha vinto il Premio Goncourt con Rue des boutiques obscures. Di prossima uscita per Einaudi è Arcipelago. Il suo ultimo libro è Pour que tu ne te perdes pas dans le quartier, pubblicato nel 2014.

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo