logo san paolo
sabato 15 maggio 2021
 
dossier
 

Monaco: la Chiesa che Martini sognava

04/09/2012  La fede, il rapporto con la modernità, le questioni più controverse, il rapporto con il mondo laico. Il cardinale Martini raccontato da un suo allievo spirituale.

Franco Monaco.
Franco Monaco.

La storia, nemmeno quella della Chiesa, non si fa con i se. Ma molti si sono posti il quesito in queste ore. La Chiesa sarebbe cambiata se il cardinale Martini fosse divenuto Papa? "E’ difficile, forse impossibile rispondere  a questa domanda", commenta Franco Monaco, già presidente dell'Azione cattolica milanese ai tempi di Martini arcivescovo di Milano, suo allievo spirituale e propugnatore delle scuole di politica, oggi senatore del Pd. "Si può invece fare memoria di qual è la Chiesa che egli sognava. C’è un testo suo che porta esattamente quel titolo, La Chiesa dei miei sogni".

Com'era la Chiesa che sognava?
"In sintesi una Chiesa concentrata tutta sulla testimonianza e sull’annuncio della Parola che salva. Una Chiesa libera, povera e sciolta, aggettivo piuttosto inusuale e invece ricorrente a qualificare la Chiesa nel lessico del gesuita arcivescovo Carlo Maria Martini. Una Chiesa la cui azione non fosse appesantita e la cui immagine appannata da un sovraccarico istituzionale. Una Chiesa più collegiale e dunque aperta alla partecipazione responsabile del popolo di Dio a cominciare dai laici cristiani. Una Chiesa non ossessionata dalla preoccupazione di “contarsi per contare”, cioè di esercitare una influenza sulla società e sulle istituzioni ma piuttosto di proclamare una Parola profetica che non si confondesse con le troppe parole umane comprese quelle della politica. Una Chiesa infine dotata dell’umiltà e del coraggio di mettere  a tema questioni spinose e controverse abitualmente esorcizzate in quanto comporterebbero la revisione di posizioni tradizionali e consolidate ma con le quali la Chiesa prima o poi in futuro non potrà non fare i conti".
Quali sono le questioni spinose e controverse?  
"Direi questioni ad intra che hanno a che fare con la vita interna alla Chiesa e questioni che hanno a che fare con questioni di natura etica. Ad intra, come ho detto, il tema della collegialità e della partecipazione. Poi quello del discernimento circa il problematico rapporto tra le chiese locali e i nuovi movimenti. Non è un mistero che su questo punto auspicasse da parte dei pastori alla responsabilità di un’azione correttiva nei confronti dei movimenti. Vi è poi il  tema dei separati e divorziati nella Chiesa e della condizione della donna nella Chiesa, che non si può risolvere con la retorica sul genio femminile. Anche la questione del celibato dei sacerdoti. Sul fronte delle questioni di natura etica, il tema della sessualità, delle unioni civili, il tema che hanno a che fare con il fine vita".
Qual era la sua opinione sui cosiddetti valori non negoziabili? 
"Certamente sosteneva che ci sono valori non negoziabili per la coscienza cristiana e che tuttavia il coerente ancoraggio ad essi non esonerasse i laici cristiani dall’ esercizio della mediazione politica. Che si concreta nell’ insediare tali principi dentro la vita concreta della polis, specie nel contesto di società contrassegnata dal pluralismo delle concezioni etiche e da ordinamenti democratici. C’è tutto il tema della distinzione di tre livelli: i principi etici (che comprende le cose non negoziabili) i principi costituzionali e la mediazione legislativa. Un approccio più raffinato e più articolato, meno ingenuo e meno semplicistico. Più consapevole dellle mediazioni necessarie. Ci sono delle riflessioni in cui egli distingue questi tre livelli. L’operatore politico non può limitarsi a proclamare i principi".
Uno dei libri più belli di Martini è proprio l'ultimo, le Conversazioni notturne a Gerusalemme, in cui la notte "affina i sensi e la mente" e gli consente di esporre al gesuita padre Georg Sporschill con franchezza i suoi desideri più intensi per la Chiesa.
"E' vero. Nelle  Conversazioni lui consegna forse il suo testamento spirituale. Il suo pensiero più franco, più libero, più confidenziale, complice la conversazione notturna, sciolta, libera". 
 Martini fu il precursore delle scuole di politica per i cristiani.
"Ne avvertiva tutta l’importanza. Ma non era esattamente la materia che più lo appassionava. Anche in ragione di quella sua cura per la distinzione tra religione e politica e al conseguente distinzione tra responsabilità in capo ai pastori e responsabilità in capo ai laici cristiani. Era convinto che proprio dalla cura per tali distinzioni potesse trarre vantaggio rispettivamente la libertà e l’universalità e la missione della Chiesa, custode di una Parola che sfida e giudica la politica ma la trascende. Sull’altro fronte l’attività politica e la vita delle istituzioni che dovevano ispirarsi a una benintesa laicità".  
Perché il cardinale piaceva al mondo laico?
"Intanto perché amava essere uomo tra gli uomini, soprattutto negli ultimi tempi, quelli in cui ha condiviso la condizione della malattia e della paura della morte. Trasmetteva il senso di una intima partecipazione alle gioie e alle ansie anche ai drammi umani e sociali dei suoi contemporanei. Nessuno come lui ha mostrato come la Bibbia sia il grande libro dell’umanità. La Scrittura custodisce la più universale delle parole. La cui risonanza trascende i confini della comunità credente. C'è una terza ragione. Era sintonizzato con la cultura contemporanea, sotto il profilo della soggettività e della libertà della coscienza. Amava sostenere che in assenza di una coscienza libera non si dà cristianesimo. Il cristianesimo nasce nella libertà e si sviluppa solo nella libertà. E questo è molto in sintonia con la cultura contemporanea. Questo rapporto con la coscienza libera è molto moderno. Anche i laici sentivano che era interprete di un messaggio di libertà, non di costrizione, non moralistico, non legalistico".

Multimedia
Carlo Maria Martini, un ricordo più vivo che mai
Correlati
«Quando sognava vedeva la Chiesa di domani»
Correlati
Carlo Maria Martini, un ricordo più vivo che mai
Correlati
I vostri commenti
4
scrivi

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%