logo san paolo
domenica 27 settembre 2020
 
testimonianza
 

Monaco, il killer ha origini iraniane: la strage frutto di pazzia

22/07/2016  L'attentatore, 18 anni, s'è suicidato. Nove i morti, tra cui 5 giovani; 16 i feriti. La polizia: un gesto di rabbia e follia; l'Isis non c'entra. Parla un sacerdote italiano, don Gino Levorato. Era in Karlsplatz: «Ho visto fuggire turisti spagnoli e una persona ferita. Clima da coprifuoco, la polizia ci ha detto di non stare in strada perché pericoloso».

«Alle 19.30 del 23 luglio mi trovavo in Karlsplatz e ho visto un gruppo di turisti spagnoli fuggire terrorizzati. Sulla scala mobile della metropolitana ho avuto l’impressione di vedere una persona ferita. La polizia mi ha intimato di allontanarmi subito e di andare via altrimenti mi sarei avvicinato. È stata una questione di pochi secondi. Ho avuto la netta impressione che anche in centro fosse successo qualcosa di grave anche se nessuno ci dava notizie». Questa la testimonianza in presa diretta di don Gino Levorato, sacerdote paolino che vive a Monaco di Baviera, su quello che sta accadendo nella città tedesca dove nel pomeriggio di venerdì intorno alle 17.52 c’è stata una sparatoria al centro commerciale «Olympia» nel quartiere Moosach, l’ex villaggio Olimpico dei Giochi del 1972, con sei morti già accertati.

«Poco prima ero in Odeonsplatz, in centro, intorno alle 19 per incontrare alcuni amici italiani», continua don Gino. «Poi mi sono spostato in Karlsplatz e quando sono andato a prendere la metropolitana per tornare a casa era tutto bloccato. Anche tram e autobus erano fermi, ho cercato un taxi ma il traffico era andato in tilt e non si trovava nulla. La polizia ci inseguiva per dire di non stare in mezzo alla strada perché era pericoloso e di andare al chiuso forse per evitare di essere presi in ostaggio da qualche attentatore. Nel frattempo ha cominciato a piovere e sono andato a comprare un ombrello. Tutti i negozi però erano chiusi, credo su ordine delle forze dell’ordine, per evitare che gli attentatori entrassero in qualche locale e prendessero in ostaggio alcune persone. La mia impressione comunque è che sia successo qualcosa anche in centro».

La tv N24, prima, aveva parlato di una seconda sparatoria proprio nella Karlsplatz di Monaco ma i vigili del fuoco e la polizia hanno smentito la notizia. «In questo momento c’è un clima di paura e il coprifuoco», aggiunge don Gino, «mentre tornavo a casa attraverso vie laterali ho visto poche persone in giro».

Un'immagine dell'attentatore. Foto Ansa.
Un'immagine dell'attentatore. Foto Ansa.

A sparare, come annunciato nella notte tra il 23 e il 24 luglio dalla polizia, è stato un tedesco-iraniano di 18 anni. Ha compiuto una strage per "rabbia e follia": l'Isis, hanno precisato le forze dell'ordine tedesche, "non c'entra". Il killer, con doppia cittadinanza tedesca e iraniana e da diversi anni residente a Monaco, ha iniziato a far fuoco con una pistola poco prima delle 18 davanti al fast food. E' stato inseguito da agenti in borghese e poi, come confermato dal capo della polizia di Monaco, Hubertus Andrae, si è suicidato a circa un chilometro dal centro commerciale "Olympia" dove ha completato la strage.

Le prime informazioni parlavano di un'auto partita a forte velocità con tre persone a bordo, ma in seguito è stato escluso che il giovane tedesco-iraniano avesse complici o ci fossero altri due attentatori. La polizia ha sostenuto che non vi sono elementi che indichino una matrice islamica dell'attacco o un "parallelismo" con il recente attacco a colpi di ascia e coltello sul treno a Wuerzburg, anche se una testimone ha riferito alla Cnn che il killer, prima di sparare su bambini seduti al tavolo, ha gridato Allah Akbar.

Intanto, una giornata di lutto nazionale è stata proclamata per oggi, sabato 24 luglio, in Baviera, in memoria delle vittime dell'attentato. Il presidente del Land ha dato disposizione che in tutti gli edifici pubblici vengano esposte bandiere a mezz'asta. Il diciottenne autore della strage di Monaco viveva con i genitori nella periferia della città a Maxvorstadt, riferisce la Bild aggiungendo che la casa è stata perquisita intorno alle due della scorsa notte dalla polizia.

 


Multimedia
Monaco sotto attacco, le immagini del tragico incubo
Correlati
I vostri commenti
27
scrivi

Stai visualizzando  dei 27 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%