logo san paolo
giovedì 18 agosto 2022
 
 

Novara, mons. Brambilla nuovo vescovo

24/11/2011  Dal 2007 era ausiliare dell'arcidiocesi di Milano. Sostituisce monsignor Renato Corti.

È uno dei vescovi ausiliari di Milano, monsignor Franco Giulio Brambilla, il nuovo vescovo di Novara. Lo ha nominato questa mattina papa Benedetto XVI, in sostituzione del settantacinquenne monsignor Renato Corti, dimissionario per limiti di età. Nato a Missaglia, arcidiocesi di Milano e provincia di Lecco, il 30 giugno 1949, monsignoir Brambilla è sacerdote dal 1975.

È stato consacrato vescovo il 23 settembre 2007, affiancando in questi anni l’impegno apostolico del cardinale emerito Dionigi Tettamanzi e accompagnando il nuovo arcivescovo Angelo Scola in questi primi suoi mesi di ministero ambrosiano. Ha compiuto gli studi di licenza e di laurea in Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e dal 1978 al 1985 è stato docente di Sacra Scrittura, Teologia spirituale e Antropologia teologica nel Seminario di Seveso.

Attualmente è anche docente di Cristologia e Antropologia teologica nella Facoltà teologica dell’Italia settentrionale, della quale dal 2006 è anche preside.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo