Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 22 maggio 2024
 
 

Famiglie sedotte e abbandonate

27/10/2012  "In passato si è promesso troppo, senza mantenerlo". E' l'accusa rivolta dal presidente del Consiglio, al Festival a Riva del Garda, a chi l'ha preceduto.

L'accusa è netta e precisa: "In passato si è promesso troppo senza saper mantenere le promesse". Così il presidente del Consiglio Mario Monti, presente al Festival delle famiglie a Riva del Garda, ha risposto a una signora del pubblico che sollecitava politiche per le famiglie. E ha poi aggiunto: "E' possibile essere ascoltati dai cittadini senza gridare e senza tentare di sedurre. E' possibile ottenere consenso senza cercarlo, se è vero che l'opinione pubblica italiana sta mostrando di capire i sacrifici".

Come non essere d'accordo? Con la parola famiglia si sono riempiti la bocca per decenni partiti e politici, soprattutto quando si doveva conquistare il voto, durante le campagne elettorali. A quali risultati concreti abbiano condotto simili promesse, è sotto gli occhi di tutti. Non c'è ricerca sociale che non sottolinei un forte malessere, con un progressivo calo del potere d'acquisto, la difficoltà a far fronte ai debiti, ma anche, semplicemente, alle spese necessarie per la vita quotidiana.

La famiglia è stata, insomma, uno specchietto per le allodole, la grande sedotta e abbandonata di questi anni, blandita all'occorrenza per suscitare consenso, senza che si mettesse mai in atto un coerente e incisivo progetto politico e finanziario, in grado di sostenere le coppie, i figli, gli anziani e gli ammalati che, spesso, solo al loro interno trovano assistenza e affetto.

"Per il 2013 abbiamo previsto uno stanziamento di 50 milioni di euro per le politiche per la famiglia e 25 milioni per le politiche giovanili", ha annunciato il premier. Un'altra promessa, destinata a essere smentita dalla storia, o una reale inversione di rotta? Ai posteri l'ardua sentenza.

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo