logo san paolo
venerdì 27 maggio 2022
 
 

E il Colle scelse Super Mario

09/11/2011  Il presidente Napolitano spariglia tutti i giochi nominando senatore Mario Monti. La biografia di un economista che ha il prestigio per placare i mercati.

Mario Monti ha titoli accademici e meriti in sovrabbondanza per essere nominato dal Capo dello Stato senatore a vita. Ma è chiaro che la decisione a sorpresa del presidente Napolitano, che sconvolge la scena in una giornata di per sé già molto convulsa e, è dettata da motivazioni che vanno ben oltre l’onore del laticlavio.


     Con una procedura d’urgenza inedita nella storia della Prima e della Seconda Repubblica, il Colle ha messo il sigillo sul suo candidato alla presidenza del Consiglio dopo l’abbandono di Berlusconi. Un segnale forte, inequivocabile, una prova di forza inconsueta, che rompe gli schemi, adottata con gli strumenti che gli sono concessi dalla Costituzione. In un momento cruciale per il Paese, nella bufera della speculazione finanziaria, con lo spread ai massimi. 
   











 Il nome di Monti circola da settimane.
Sarà quasi certamente lui l’uomo designato dal Presidente per gestire l’emergenza economica. Una mossa, quella del Colle, che prende in contropiede Berlusconi e parte della Lega, contrari a un Governo tecnico o di larghe intese e convinti di andare ad elezioni. Giocata proprio al Senato, una delle due camere in cui Berlusconi e la Lega si sentono più forti.

     Dire Mario Monti significa dire euro. Nato il 19 marzo del 1943 a Varese, dal 1995 al 1999 è stato membro della Commissione Europea, responsabile di mercato interno, servizi finanziari e integrazione finanziaria, dogane e questioni fiscali. Poi è divenuto commissario alla concorrenza, guadagnandosi il titolo di “Super Mario”. E’ un economista di rango ed è stato per lungo tempo rettore della Bocconi. Come editorialista del Corriere della sera ha difeso più volte, attraverso articoli scritti con un prosa cesariana, la moneta unica. Sua la metafora riferita a un “podestà straniero” che rischia di dettare le regole al governo italiano. 

     Monti ha tutte le carte in regola per rassicurare i mercati e sconfiggere il leviatano della speculazione, liberandoci dal podestà. Il Centrosinistra ha plaudito alla mossa del Colle. Ora non resta che verificare la rilevanza dello smottamento già in atto dal Pdl verso un governo di salute pubblica guidato dall’economista varesino. Sotto l’egida di Napolitano.

I vostri commenti
9

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo