Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 23 giugno 2024
 
 

Moraglia: «Ognuno ha mamma e papà»

04/09/2013  Il Patriarca di Venezia interviene nel dibattito suscitato dalla proposta di abolire i termini "padre" e "madre" ed esprime la sua contrarietà: «No alle discriminazioni», afferma, «ma il fatto che ciascuno di noi abbia due genitori è un dato che precede qualsiasi scelta politica e culturale»

Numerose le critiche e le perplessità suscitate dalla proposta della consigliera comunale veneziana Camilla Seibizzi di abolire dai moduli per l’iscrizione a scuola i termini di “padre” e “madre” per sostituirli con “genitore 1” e “genitore 2”.

Tra queste c’è anche quella del Patriarca di Venezia Francesco Moraglia che è intervenuto nel dibattito per sottolineare l’importanza della famiglia nella nostra società:  «È fondamentale», ha spiegato l’arcivescovo, «non porre discriminazioni e che ci sia rispetto per tutte le persone. Ma il fatto che ciascuno di noi abbia un papà e una mamma è un dato che precede qualsiasi scelta politica e culturale. E, al tempo stesso, in questo momento di difficoltà, è importante ritrovarsi attorno ad elementi di coesione sociale, tra i quali centrale è la famiglia».  

Da un lato, quindi, il Patriarca ha ribadito la necessità di «non discriminare chi ha una cultura diversa dalla nostra e chi ha situazioni esistenziali diverse dalle nostre». Dall’altro, ha però auspicato «che la famiglia sia l’elemento di forza su cui la nostra società può cambiare, ristrutturarsi e crescere. Essa, perciò, deve essere un cardine amato da tutti, in relazione al quale c’è un dato di fondo: che ognuno di noi ha un suo papà e una sua mamma. Siamo quindi legati a questo dato che precede qualsiasi scelta politica e culturale e che credo sia uno degli elementi su cui costruire la coesione necessaria perché la nostra società vada avanti, senza battaglie ideologiche e senza recriminazioni».

  Critico con il ministro anche Giuseppe Butturini, presidente dell’Associazione nazionale famiglie numerose, che bolla come «assurda» la proposta della consigliera comunale di Venezia e l’uscita della Kyenge: «Le dichiarazioni del Ministro ci sorprendono», spiega, «mi auguro che il primo cittadino Giorgio Orsoni intervenga a riportare un po’ di ragionevolezza. Se così non fosse già diverse famiglie sono pronte a recarsi agli uffici comunali per chiedere il diritto di qualificarsi come padre e mamma nel modulo di iscrizione. Impugnando al Tar l’eventuale diniego chiedendone la sospensiva e sollevando anche l’eccezione di illegittimità costituzionale per contrasto con gli articoli 3, 29, 30, 31 e 37 della Costituzione».

I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo