logo san paolo
venerdì 19 agosto 2022
 
Il dibattito sui social
 

Morandi: ma il Paradiso esiste?

01/09/2017  Il popolare cantante ha scritto un post sulla sua seguitissima pagina Facebook in cui si pone questa domanda: moltissimi i commenti, che hanno acceso un interessante dibattito. E lui risponde a tutti!

Un sfondo rosso con l’immagine del popolare cantante che guarda in alto e un commento «Ma ci sarà davvero il Paradiso?». Questo post sulla  seguitissima pagina facebook di Gianni Morandi (ha quasi 2 milioni e mezzo di followers)  ha aperto un acceso dibattito tra i suoi seguaci, collezionando 16.000 like e 2.600 commenti. L’aspetto singolare è che Morandi risponde puntualmente a ogni commento, con garbo, leggerezza e rispetto per l’interlocutore. Tra lui e i suoi seguaci c’è un’affettuosa familiarità all’impronta del rispetto. Niente a che vedere con la spocchia che contraddistigue alcuni vip: Morandi si pone come l’amico della porta accanto, conservando un atteggiamento umile e per questo davvero grande.   Il cantante da qualche anno si è riavvicinato alla fede, va a Messa e partecipa alle iniziative dell’Unitalsi. Su questa insolita domanda dice solo che il 31 agosto si è svegliato con questo dubbio e l'ha voluto subito condividere con i suoi amici.  «A tutti noi piace immaginare la sua esistenza», scrive Myriam. E Morandi ribatte: «Se c'è, bisogna anche meritarselo». «Certo che c'è il Paradiso ma attenzione attenzione che esiste pure l'inferno», dice Nadia, E Gianni «È quello che mi spaventa» C’è anche il commento di un don: «Stanne certo Gianni! Te lo dice un tuo fan Sacerdote, e credimi anche là vorranno sentirti cantare e VOLARE!».

I vostri commenti
21

Stai visualizzando  dei 21 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo